TORO Web - Mio padre al cantiere della ditta Zaccherini (Toro che non c'è piu)
Scrivi a TOROWeb
ToroWeb è dal 1999 a disposizione di Toro e dei toresi. Chiunque, privato o circolo o associazione o ente, abbia notizie, avvisi, foto, dubbi o chiarimenti da pubblicare, può inviare a: redazione@toro.molise.it
Le comunicazioni non firmate non saranno prese in considerazione

P.S.
ToroWeb non è né un partito, né un organo istituzionale. È solo una pagina internet, che vuole raccontare il paese.
Un grazie di cuore ai lettori per l'attenzione che ci accordano da ventidue anni.
Canali
· Home
· @toro.molise.it
· Aggiungi News
· Archivio News
· Argomenti
· Cerca
· Chat
· Dove siamo
· Gli Appuntamenti
· GuestBook
· Login
· Meteo
· News dal vecchio sito
· Sondaggio
· Statistiche
· Tags
· Top 10
· Web Links
Altri articoli
Mercoledì, 27 marzo
· Lutto, è deceduto Carmine Mancino di anni 84
Venerdì, 15 marzo
· Festa di San Giuseppe 2024
Giovedì, 14 marzo
· Lutto, è deceduta Marietta Josue
Martedì, 12 marzo
· Lutto, è deceduta Antonietta Di Girolamo di anni 89
Martedì, 05 marzo
· Lutto, è deceduto Mario Mosca di anni 86
Sabato, 24 febbraio
· Lutto, è deceduto Josè Di Donato di anni 54
Sabato, 17 febbraio
· Lutto, è deceduta Teresa Mitra di anni 91
Mercoledì, 14 febbraio
· Lutto, è deceduto Salvatore Moffa di anni 93
Sabato, 10 febbraio
· Lutto, è deceduto Mario Monachesi di anni 79
Sabato, 03 febbraio
· VI° Memorial Carlo Marcucci

Articoli Vecchi
GoogleAdSense
News ante Aprile 2007


· Notizie da gennaio 2004 ad aprile 2007

· Notizie 2002-2003
Ultimi Commenti
· APA : Lutto, è deceduto Gaetano Di Toro di anni 62- in data (19/3/2021)
· Giovanni Mascia : L'Ecce Homo di Toro studiato e presentato in Spagna- in data (13/1/2021)
· Torese : L'Ecce Homo di Toro studiato e presentato in Spagna- in data (13/1/2021)
· Giovanni Mascia : IL BACIO DEL BAMBINO - Sfilata dei toresi con i loro storici soprannomi- in data (11/1/2021)
· Torese : IL BACIO DEL BAMBINO - Sfilata dei toresi con i loro storici soprannomi- in data (11/1/2021)
· Giovanni Mascia : Antiche fotografie toresi di casa Trotta- in data (12/12/2020)
· Torese : Antiche fotografie toresi di casa Trotta- in data (9/12/2020)
· Enzo : Entusiasmante fotografare la cometa Neowise nel nostro cielo- in data (17/7/2020)
· ramossino : Entusiasmante fotografare la cometa Neowise nel nostro cielo- in data (16/7/2020)
· Giovanni Mascia : Festa dell'Incoronata 1905: banda di Riccia a Toro in divisa da Bersagliere- in data (25/10/2019)
· Enzo : Inizio Corso di potatura dell'olivo 2018- in data (18/4/2018)
· Giovanni Mascia : Caro Giovanni Rossodivita, impara a leggere!- in data (15/10/2017)
· Giovanni Rossodivita : Un sindaco e relativo consiglio comunale "sotto tutela"!- in data (14/10/2017)
· Giovanni Mascia : A proposito del tragico fattaccio di settant'anni fa- in data (20/9/2017)
· Giovanni Rossodivita : Il drammatico fattaccio di Toro- in data (20/9/2017)
· Giovanni Rossodivita : Un forte segnale di cambiamento e di rinnovamento- in data (16/7/2017)
· hermes_toro : Acqua pubblica: Toro non aderisce all’Egam- in data (16/7/2017)
· Giovanni Rossodivita : Coraggio! Non aderire all'Egam- in data (15/7/2017)
· hermes_toro : Strada Comunale della Selva per Jelsi: i residenti ringraziano- in data (4/7/2017)
· Roby : Roberto Quercio è il nuovo sindaco di Toro, eletto a furor di popolo- in data (21/6/2017)
Mio padre al cantiere della ditta Zaccherini (Toro che non c'è piu)
Pubblichiamo volentieri un racconto di Vincenzo Colledanchise, corredato con un paio di foto, sui lavori di costruzione della Fondovalle Tappino. Siamo a circa mezzo secolo fa: altro mondo e altri uomini.

Eravamo alla fine degli anni cinquanta. Lungo il fiume Tappino si stava realizzando, con le risorse della Cassa del Mezzogiorno, la strada che ci avrebbe collegati celermente con la Puglia, sfruttando in gran parte l’area del tratturo, che proprio in quegli anni vedeva terminata, dopo secoli, la sua funzione di via delle greggi in transumanza tra l’Abruzzo e le Puglie.

Mio padre, come altre decine di uomini del paese, fu assunto dalla Ditta Zaccherini, che aveva avuto in appalto la costruzione dell’opera, consentendo di arrestare l’emorragia di uomini verso l’estero, per l’endemica emigrazione cui erano soggetti.

A causa delle precarie condizioni di salute, mio padre non venne assunto come semplice manovale, bensì come ingrassatore e rifornitore alle ruspe, di conseguenza egli si rapportava continuamente coi ruspisti che provenivano quasi tutti da San Benedetto del Tronto.

Avevo meno di dieci anni e potei godere anch’io della amicizia di quei simpatici giovanotti. Si lavorava pure la domenica fino a mezzogiorno, ed io avevo l’incarico di raggiungere mio padre col mulo, presso il cantiere a ridosso del fiume, con la vettura l’avrei riportato in paese per l’irta salita, fino alle Pagliarole , dove avremmo attinto il foraggio per gli altri animali domestici che avevamo nella stalla sotto casa.



Guido, il ruspista più simpatico, mi consentiva di salire sulla ruspa ed osservare la potenza della macchina che buttava via tutto, alberi, terra e manufatti. Fu proprio alla fine della via Vicenna che un giorno quella ruspa scovò sotto terra alcuni loculi in pietra al cui interno vi erano scheletri umani.

Quando il cantiere avanzò, allontanandosi dal paese, papà fu costretto a soggiornare insieme ai ruspisti presso la loro baracca, posta in un’area nella risacca del fiume. Una sera la baracca fu inondata dal fiume in piena e papà, impaurito, tornò precipitosamente a casa, servendosi dei lampi dei fulmini per riconoscere la direzione della strada che portava in paese. Dalla baracca salvò un rudimentale grammofono a manovella, che ci parve regalo opportuno per i nostri giochi, più che per sentire i dischi a 78 giri che rallegravano la mamma, grazie alle puntine che compravamo presso il tabaccaio.

Per poter continuare a lavorare, mio padre fu costretto a munirsi di una motocicletta leggera, un Galletto 50, col quale raggiungeva il cantiere, sempre più lontano.

Il cantiere era trafficato da grossi autocarri che trasportavano ghiaia, con la quale facevano la massicciata della strada. Inorridii, un giorno, nell'osservare un uomo su una motocicletta, completamente imbiancato, ricoperto letteralmente di polvere, della polvere che veniva sollevata dai grossi mezzi. Quando riconobbi che era mio padre, mi venne un groppo alla gola.



In seguito, quando il cantiere ebbe fine, con i miei fratelli, disintegrammo sia il motociclo che il grammofono per giocarci. Col primo fingevamo di ripararlo, imitando i meccanici, smontandone tutti i pezzi, col secondo lo usavamo come giostra, salendo sull’ampio portadischi, che facevamo girare con una semplice manovella.
Dell’amicizia con Guido, è rimasto il rimpianto di non poter essere cresimato da lui, come mi aveva promesso, ma ho la consolazione di sentirlo qualche volta a telefono.

Vincenzo Colledanchise
Postato il Giovedì, 09 settembre 2010 @ 11:56:21 di giovanni_mascia
 
Links Correlati
· Inoltre Poesie e racconti
· News by giovanni_mascia


Articolo più letto relativo a Poesie e racconti:
Burle e rivalità campanilistiche: a Monacilioni le raccontano così

Article Rating
Average Score: 0
Voti: 0

Please take a second and vote for this article:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

Facebook

Twitter

Msn
Associated Topics

Poesie e racconti

"Mio padre al cantiere della ditta Zaccherini (Toro che non c\'è piu)" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

TORO Web ideato e realizzato da Carmine Felice e Giovanni Mascia, con la collaborazione di Sandro Nazzario e Vincenzo Mascia.

phpNuke Theme design by Carmine Felice