TORO Web - C’era una volta la vigilia di San Mercurio (Toro, ieri e oggi / 4)
Scrivi a TOROWeb
ToroWeb è dal 1999 a disposizione di Toro e dei toresi. Chiunque, privato o circolo o associazione o ente, abbia notizie, avvisi, foto, dubbi o chiarimenti da pubblicare, può inviare a: redazione@toro.molise.it
Le comunicazioni non firmate non saranno prese in considerazione

P.S.
ToroWeb non è né un partito, né un organo istituzionale. È solo una pagina internet, che vuole raccontare il paese.
Un grazie di cuore ai lettori per l'attenzione che ci accordano da ventidue anni.
Canali
· Home
· @toro.molise.it
· Aggiungi News
· Archivio News
· Argomenti
· Cerca
· Chat
· Dove siamo
· Gli Appuntamenti
· GuestBook
· Login
· Meteo
· News dal vecchio sito
· Sondaggio
· Statistiche
· Tags
· Top 10
· Web Links
Altri articoli
Giovedì, 03 novembre
· Tra San Giovanni e Toro. Un ricordo di Nicolino Di Donato
Mercoledì, 02 novembre
· 4 novembre 2022 Festa delle Forze Armate
Martedì, 01 novembre
· Lutto, è deceduto Florindo Del Zingaro di anni 75
Sabato, 29 ottobre
· 21^ edizione "Memorial Enzo Peluso", gara di pesca
Giovedì, 27 ottobre
· P. Beniamino da San Giovanni in Galdo. Vescovo e vicario apostolico in Cina
Martedì, 04 ottobre
· Festività di San Francesco d’Assisi 2022
Mercoledì, 14 settembre
· Cantina Herero: "Vendemmia emozionale 2022"
Martedì, 13 settembre
· 26 agosto 2022 - Serata della festa in onore di San Mercurio
Sabato, 10 settembre
· 26 agosto 2022 - Foto della processione in onore di San Mercurio
Venerdì, 09 settembre
· I° Raduno 500 e auto d'epoca

Articoli Vecchi
GoogleAdSense
News ante Aprile 2007


· Notizie da gennaio 2004 ad aprile 2007

· Notizie 2002-2003
Ultimi Commenti
· APA : Lutto, è deceduto Gaetano Di Toro di anni 62- in data (19/3/2021)
· Giovanni Mascia : L'Ecce Homo di Toro studiato e presentato in Spagna- in data (13/1/2021)
· Torese : L'Ecce Homo di Toro studiato e presentato in Spagna- in data (13/1/2021)
· Giovanni Mascia : IL BACIO DEL BAMBINO - Sfilata dei toresi con i loro storici soprannomi- in data (11/1/2021)
· Torese : IL BACIO DEL BAMBINO - Sfilata dei toresi con i loro storici soprannomi- in data (11/1/2021)
· Giovanni Mascia : Antiche fotografie toresi di casa Trotta- in data (12/12/2020)
· Torese : Antiche fotografie toresi di casa Trotta- in data (9/12/2020)
· Enzo : Entusiasmante fotografare la cometa Neowise nel nostro cielo- in data (17/7/2020)
· ramossino : Entusiasmante fotografare la cometa Neowise nel nostro cielo- in data (16/7/2020)
· Giovanni Mascia : Festa dell'Incoronata 1905: banda di Riccia a Toro in divisa da Bersagliere- in data (25/10/2019)
· Enzo : Inizio Corso di potatura dell'olivo 2018- in data (18/4/2018)
· Giovanni Mascia : Caro Giovanni Rossodivita, impara a leggere!- in data (15/10/2017)
· Giovanni Rossodivita : Un sindaco e relativo consiglio comunale "sotto tutela"!- in data (14/10/2017)
· Giovanni Mascia : A proposito del tragico fattaccio di settant'anni fa- in data (20/9/2017)
· Giovanni Rossodivita : Il drammatico fattaccio di Toro- in data (20/9/2017)
· Giovanni Rossodivita : Un forte segnale di cambiamento e di rinnovamento- in data (16/7/2017)
· hermes_toro : Acqua pubblica: Toro non aderisce all’Egam- in data (16/7/2017)
· Giovanni Rossodivita : Coraggio! Non aderire all'Egam- in data (15/7/2017)
· hermes_toro : Strada Comunale della Selva per Jelsi: i residenti ringraziano- in data (4/7/2017)
· Roby : Roberto Quercio è il nuovo sindaco di Toro, eletto a furor di popolo- in data (21/6/2017)
C’era una volta la vigilia di San Mercurio (Toro, ieri e oggi / 4)
Un'altra bella testimonianza di Luca Castiello che si sofferma sul clima di festa e di magica attesa che si respirava una venitna di anni fa, ai tempi della sua infanzia. L'inevitabile raffronto con i nostri giorni è impietoso, Oggettivo, perché vissuto in prima persona, e impietoso,
In calce, la doverosa replica di Luca alle precedenti osservazioni di Giovanni Rossodivita.




Erano questi giorni di festa e di gioia per tutti.

Al mattino, quando il sole usava ancora una certa clemenza nei confronti dei toresi, uscivo di casa con l’animo lieto e con il cuore aperto a nuovi incontri: era infatti quello il periodo dell’anno riservato, come per una legge mai scritta, al rientro in “patria” dell’entusiasta popolo degli emigranti che tornava a casa per impreziosire la nostra comunità come fanno i diamanti su un anello d’oro. Erano queste persone che provenivano da ogni parte del mondo, anche molto distante da qui, e che affrontavano grandi sacrifici e ingenti spese per tornare a visitare la propria terra, i parenti, gli amici. Incontrarle per strada generava un sorriso immediato e spontaneo, e sincero era il saluto anche nei confronti di chi non si aveva mai avuto modo di conoscere.

A metà mattinata, quando ormai si poteva cominciare a dubitare della bontà del sole, il suono melodioso delle campane della chiesa madre lanciava un severo monito a tutti: era vicino il giorno della festa di S. Mercurio, nessuno poteva lasciare spazio alcuno alla tristezza ed alla noia.

Quando già dalle case straordinari e unici profumi di vivande colmi dell’amore di madri e nonne quanto mai generose invadevano via di Sotto e via di Sopra, molti degli uomini del paese, conquistato durante l’anno il meritato riposo, si incontravano nei bar di Piazza del Piano e nel bar di Peppe: qui, sulla “loggia”, si apriva agli occhi uno spettacolo riservato a pochi fortunati. Sulla destra, attraversando con lo sguardo le case sotto il “sopportico”, si scorgeva maestosa la torre campanaria con il suo orologio; un po’ più avanti, accostandosi alla ringhiera, la ricchissima campagna ti sorrideva dal basso con i suoi mille suoni e mille colori. L’orizzonte era lì, a portata di mano: era sufficiente volerlo e lo si poteva accarezzare. Un incontro tra amici non poteva avvenire in uno scenario più bello.

A pranzo ci si ritrovava con la famiglia, ma soltanto per poco tempo perché c’erano tantissime cose da fare. C’erano quelli indaffarati nell’organizzazione dei tanti tornei organizzati dalla Pro-Loco: schizzavano da una parte all’altra del paese come delle scintille impazzite, di giorno e di notte; davano l’impressione di non fermarsi mai neppure per mangiare e dormire e sembrava quasi impossibile fermarli per un solo attimo. C’erano gli anziani del Comitato Feste: persone sagge e buone che spesso ci rimettevano di tasca propria per allietare i momenti di festa dei concittadini. C’era la comunità parrocchiale arroccata attorno all’indimenticabile Padre Ottaviano Priore (il quale si accendeva di una luce particolare in questi giorni) e all’instancabile Enzo Mascia che guidava i bravissimi ragazzi del coro con maestria e pazienza. C’erano gli iscritti al circolo scacchistico “Il Barbacane” che, sotto la direzione del presidente Giovanni Mascia, davano il cuore per organizzare un torneo all’altezza dei grandi giocatori non residenti che vi avrebbero partecipato.

C’erano i fedelissimi chierichetti che si allenavano per la Santa Messa più importante dell’anno, quasi uno spettacolo teatrale per intensità e scenografia. C’erano le anziane che in chiesa intonavano il canto dedicato a S. Mercurio con una voce che non avevano mai avuto prima. C’erano i giovani toresi che salivano sulla torre campanaria in vista del giorno della processione: era loro il compito di strapazzare a mani nude le campane da un senso all’opposto per far sentire ancora più forte al santo patrono la voce del suo popolo. Quei giovani credevano così tanto in quel che facevano che diventavano un tutt’uno con quelle campane. C’erano tanti altri giovani e bambini che tempestavano di urla e risa viale San Francesco al punto che le case intorno sembravano dover essere spazzate via da un momento all’altro. Trovare posto per sedersi su un gradino di queste case era una impresa disperata.

C’erano poi tante altre persone che rendevano straordinari e irripetibili quei giorni di letizia che anticipavano il ventisei agosto: in realtà non è forse l’attesa della festa, la festa stessa?

Erano quelli giorni di intenso giubilo che una intera comunità stretta in un unico abbraccio aspettava per un lungo anno.

Erano giorni con tanta luce e con notti brevi, pure allietate fino allo spuntar del sole.

Erano giorni in cui i suoni erano più chiari, i colori più vivi, il cielo più azzurro, la gente più buona.

Erano giorni in cui, un torese, andava a letto e non riusciva a smettere di sorridere.

Luca Castiello



Post scriptum per Giovanni Rossodivita

    Carissimo Giovanni,

    ho letto con particolare interesse il tuo intervento perché so che sei persona intelligente e attenta.
    Per quanto riguarda il mio presunto pessimismo, in realtà credo di aver fotografato in modo fedele una realtà particolarmente complicata e deludente com’è quella torese attuale. In relazione poi alle frasi che tu hai reputato “esagerate”, ho utilizzato volutamente toni molto forti e romanzati per cercare di scuotere il più possibile le coscienze dei miei concittadini che, da diverso tempo, sembrano assopite oltremisura. Come puoi rilevare da questo mio ultimo racconto (basato su fatti realmente accaduti e quindi inconfutabili), tra l’altro meno romanzato del precedente scritto, la differenza tra la Toro di circa vent’anni fa e quella odierna è eclatante e non può che rattristare.
    Comunque sono contento che tu, anche da lontano, continui ad interessarti alle vicende che coinvolgono il tuo paese e ti fai parte attiva di dibattiti che si prefiggono nobili scopi.
    È anche grazie a te che ci stiamo confrontando e scambiando idee in modo costruttivo.
    Ti abbraccio e spero di vederti presto a Toro.
    Luca



Precedenti interventi:
- Luca Castiello, Io mi sentirei un torese stupido se… (Toro, ieri e oggi/ 1)
- Giovanni Rossodivita, Il cupo pessimismo di Luca (Toro, ieri e oggi/ 2), con replica di Giovanni Mascia
- Dante Gentile Lorusso, La politica del muro (Toro, ieri e oggi/ 3)
Postato il Sabato, 25 agosto 2012 @ 10:00:00 di toroweb
 
Links Correlati
· Inoltre Riceviamo e pubblichiamo
· News by toroweb


Articolo più letto relativo a Riceviamo e pubblichiamo:
Proposte e suggerimenti per la futura Amministrazione Comunale

Article Rating
Average Score: 5
Voti: 1


Please take a second and vote for this article:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

Facebook

Twitter

Msn
Associated Topics

Toro che non va

"C’era una volta la vigilia di San Mercurio (Toro, ieri e oggi / 4)" | Login/Crea Account | 1 commento | Search Discussion
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

Re: C’era una volta la vigilia di San Mercurio (Toro, ieri e oggi / 4) (Voto: 1)
di Franco il Sabato, 25 agosto 2012 @ 20:32:13
(Info Utente )
Caro Giovanni (Mascia), ho letto con tanto interesse "il cupo pessimismo" di Luca. Incomincio a vedere il frutto del sudore di uomini come te, Dante ecccetera. Luca Castiello, Antonio Salvatore, tuo nipote che ho avuto occasione di conoscere qualche mesetto fa sono giovani che ispirano speranza, sono veramente una boccata d'aria fresca mattutina durante un'estate afosa.
Complimenti e buone feste.
Un abbraccio, Franco


TORO Web ideato e realizzato da Carmine Felice e Giovanni Mascia, con la collaborazione di Sandro Nazzario e Vincenzo Mascia.

phpNuke Theme design by Carmine Felice