TORO Web - La scuola serale della signora Luisella (Toro che non c'è più
Scrivi a TOROWeb
ToroWeb è dal 1999 a disposizione di Toro e dei toresi. Chiunque, privato o circolo o associazione o ente, abbia notizie, avvisi, foto, dubbi o chiarimenti da pubblicare, può inviare a: redazione@toro.molise.it
Le comunicazioni non firmate non saranno prese in considerazione

P.S.
ToroWeb non è né un partito, né un organo istituzionale. È solo una pagina internet, che vuole raccontare il paese.
Un grazie di cuore ai lettori per l'attenzione che ci accordano da ventidue anni.
Canali
· Home
· @toro.molise.it
· Aggiungi News
· Archivio News
· Argomenti
· Cerca
· Chat
· Dove siamo
· Gli Appuntamenti
· GuestBook
· Login
· Meteo
· News dal vecchio sito
· Sondaggio
· Statistiche
· Tags
· Top 10
· Web Links
Altri articoli
Venerdì, 06 maggio
· Medaglia d'oro in Francia per la Tintilia Herero 16 di Toro
Mercoledì, 04 maggio
· ENCAUSTUM, LA PITTURA A FUOCO DEGLI ANTICHI
Martedì, 03 maggio
· Diego Tucci - Laurea
Domenica, 01 maggio
· Lutto, è deceduta Annina Rossodivita di anni 85
Sabato, 30 aprile
· Carrellata di foto della Settimana Santa 2022
Venerdì, 29 aprile
· Festa dell'Incoronata 2022: il programma
Lunedì, 25 aprile
· Presentazione del libro di Libero Cutrone sui dipinti murali del convento
Sabato, 23 aprile
· Lotteria Audax Toro 2022: i venti numeri vincenti
Venerdì, 22 aprile
· Lutto, è deceduta Carmela Ciocca di anni 90
· Perché si suona Ventunore e perché si chiama così?

Articoli Vecchi
GoogleAdSense
News ante Aprile 2007


· Notizie da gennaio 2004 ad aprile 2007

· Notizie 2002-2003
Ultimi Commenti
· APA : Lutto, è deceduto Gaetano Di Toro di anni 62- in data (19/3/2021)
· Giovanni Mascia : L'Ecce Homo di Toro studiato e presentato in Spagna- in data (13/1/2021)
· Torese : L'Ecce Homo di Toro studiato e presentato in Spagna- in data (13/1/2021)
· Giovanni Mascia : IL BACIO DEL BAMBINO - Sfilata dei toresi con i loro storici soprannomi- in data (11/1/2021)
· Torese : IL BACIO DEL BAMBINO - Sfilata dei toresi con i loro storici soprannomi- in data (11/1/2021)
· Giovanni Mascia : Antiche fotografie toresi di casa Trotta- in data (12/12/2020)
· Torese : Antiche fotografie toresi di casa Trotta- in data (9/12/2020)
· Enzo : Entusiasmante fotografare la cometa Neowise nel nostro cielo- in data (17/7/2020)
· ramossino : Entusiasmante fotografare la cometa Neowise nel nostro cielo- in data (16/7/2020)
· Giovanni Mascia : Festa dell'Incoronata 1905: banda di Riccia a Toro in divisa da Bersagliere- in data (25/10/2019)
· Enzo : Inizio Corso di potatura dell'olivo 2018- in data (18/4/2018)
· Giovanni Mascia : Caro Giovanni Rossodivita, impara a leggere!- in data (15/10/2017)
· Giovanni Rossodivita : Un sindaco e relativo consiglio comunale "sotto tutela"!- in data (14/10/2017)
· Giovanni Mascia : A proposito del tragico fattaccio di settant'anni fa- in data (20/9/2017)
· Giovanni Rossodivita : Il drammatico fattaccio di Toro- in data (20/9/2017)
· Giovanni Rossodivita : Un forte segnale di cambiamento e di rinnovamento- in data (16/7/2017)
· hermes_toro : Acqua pubblica: Toro non aderisce all’Egam- in data (16/7/2017)
· Giovanni Rossodivita : Coraggio! Non aderire all'Egam- in data (15/7/2017)
· hermes_toro : Strada Comunale della Selva per Jelsi: i residenti ringraziano- in data (4/7/2017)
· Roby : Roberto Quercio è il nuovo sindaco di Toro, eletto a furor di popolo- in data (21/6/2017)
La scuola serale della signora Luisella (Toro che non c'è più
Abbiamo già ricordato la giovanissima maestra Luisella D'Amico, rievocandone i tre anni d'insegnamento nella scuola rurale della Selva nei primi Anni Cinquanta del secolo scorso. Subito dopo quell'esperienza, la maestra animò insieme a i suoi divertenti e divertiti e attempati alunni la scuola serale di Via dell'Annunziata dove a cavallo degli Anni CInquanta e Sessanta si cercò di mettere una pezza all'enorme piaga dell'analfabetismo, che a Toro affliggeva ancora centinaia e centinaia di vittime. E se ne videro delle belle



Toro, Carnevale 1962. I coniugi Nicola Felice e Elgida (Gina) Garzone,
furono i protagonisti assoluti della scuola serale della signora Luisella (Archivio Nicola Felice)



Cinquanta, sessant’anni fa a Toro, si contavano ancora a centinaia gli analfabeti totali. Solo una donna adulta su cinque aveva la licenza elementare. Tre donne su cinque si erano dovute accontentare di frequentare la scuola per un anno o due. Infine un'adulta su cinque non era mai stata a scuola e non sapeva né leggere né scrivere. Non molto meglio stavano gli uomini. Poco male per il passato, ma in quegli anni leggere e scrivere cominciava a essere importante, non fosse altro che per firmare e riscuotere la pensione all’ufficio postale. Ed eccoli allora, adulti, anziani e vecchi, tornare bambini per frequentare quei banchi di scuola sui quali non si erano mai seduti da ragazzi. O seduti troppo poco.

A insegnare loro, c’era la signora Luisella. La maestra Luisa D’Amico li radunava a sera, in casa Serpone, in via dell’Annunziata, o per dirla alla torese “Arrète ‘a Lenzeiate”. Oggi li ricorda volenterosi, assai volenterosi, i suoi scolari di allora, che pur di recuperare il tempo perduto, affrontavano alla garibaldina gli ostacoli. Gemma Iacobacci (U resceljlle), per esempio. A quel tempo il ghiaccio non scherzava, e una volta compattato sotto i piedi, durava settimane e settimane, non essendosi mai visti sale e spartineve in paese. Spaventosa, tra i sali e scendi di Toro, la salita del Barbacane, per non parlare della discesa al ritorno. Bene, Gemma l’affrontava scalza per meglio aderire alla lastra gelata e non correre il rischio di scivolare. Così, scalza e trafelata arrivava a scuola dove finalmente avrebbe imparato a fare il nome.

A dare una mano alla signora Luisella, un gruppetto di amici attempati, che pur sapendo leggere e scrivere avevano aderito all’invito della giovane insegnante. Grazie ad essi, la classe raggiungeva il numero minimo di alunni previsto dalla legge, la maestra intascava il meritato stipendio, e gli alunni e le alunne alimentavano la speranza di vedere trasformate da lì a qualche mese le ciappette e le zampe di mosche dei loro sforzi iniziali nella sospirata firma.

Il quartetto di letterati compiacenti era formato da due inseparabili e geniali artigiani, peraltro legati dal vincolo del San Giovanni, Nicola Felice (Geledèie) e Peppe Tucci (Cianne Gattone), accompagnati dalle rispettive moglie, Gina Garzone e Maria Nicola Patranzelle. Oltre a fare numero, tenevano allegra la brigata con le loro battute.

Poi, Peppe si ammalò e dopo qualche tempo morì. Non per questo, la moglie cessò di frequentare la scuola serale. Con il passare dei giorni, il viso tornava a rasserenarsi e lei tornava a sorridere. A veder Maria Nicola tornare ad essere quella di prima, nella scuola serale, “Arrète ‘a Lenzeiate”, si ricominciò a ridere e a scherzare.

Una sera, la maestra Luisella assegnò un tema. Facile facile, secondo lei: “Scrivete una lettera a un amico o a un’amica”. Hai detto niente! A capo chino, i poveretti penavano come anime del purgatorio. Le matite graffiavano, si spuntavano, scarciavano i fogli dei quaderni. Gina Garzone invece no. In capo a una mezzoretta aveva terminato il suo tema e, fiera di quanto aveva scritto, lo volle leggere ad alta voce.
    Caro compare,
    noi qui stiamo tutti bene, così speriamo anche di te.
    Poco alla volta i nostri compagni di classe stanno imparando a fare la firma, così un domani vanno di persona a
    sìggere la pensione, senza dare la parte ai nipoti o ai parenti che oggi ci vanno al posto loro.
    Noi, come tu sai, non ne abbiamo di questi problemi. La pensione ce la siamo sempre siggiuta e mangiata. Lo stesso fa Maria Nicola che si è fatta capace, e ti saluta.
    Ti manda a dire, caro compare Peppe, cerca di stare bene in quess’altro mondo, che lei sta benissimo qua. Non farti venire strane idee per la testa, che l’atto di richiamo lei non lo vuole.
    La tua affezionata commare
    Gina
Ci fu un attimo di imbarazzo. Solo un attimo. Maria Nicola sorrise e disse a Gina: - A ièssa iè! Come per dire. – Ma tu guarda a questa! E aggiunse: - L’atto di richiamo semmai te lo può mandare a te. Non come marito, si capisce, ma come compare.
Allora tutti scoppiarono a ridere. Per la battuta di Maria Nicola che era stata al gioco e per la lettera che Gina aveva scritto al compare Cianne Gattone, a quill’atru munne.
Postato il Giovedì, 24 ottobre 2013 @ 12:15:00 di giovanni_mascia
 
Links Correlati
· Inoltre Poesie e racconti
· News by giovanni_mascia


Articolo più letto relativo a Poesie e racconti:
Burle e rivalità campanilistiche: a Monacilioni le raccontano così

Article Rating
Average Score: 5
Voti: 1


Please take a second and vote for this article:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

Facebook

Twitter

Msn
Associated Topics

Tradizioni e feste

"La scuola serale della signora Luisella (Toro che non c\'è più" | Login/Crea Account | 1 commento | Search Discussion
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

Re: La scuola serale della signora Luisella (Voto: 1)
di Franco il Venerdì, 25 ottobre 2013 @ 15:57:44
(Info Utente )
Ciao Giovanni,
molto divertente quest'episodio.
Chi sa quante di queste perle vanno perdute.
A presto,
Franco


TORO Web ideato e realizzato da Carmine Felice e Giovanni Mascia, con la collaborazione di Sandro Nazzario e Vincenzo Mascia.

phpNuke Theme design by Carmine Felice