TORO Web - 28 marzo 1944: una bomba dilaniò il corpo del piccolo Mercurio Iacobucci
Scrivi a TOROWeb
ToroWeb è dal 1999 a disposizione di Toro e dei toresi. Chiunque, privato o circolo o associazione o ente, abbia notizie, avvisi, foto, dubbi o chiarimenti da pubblicare, può inviare a: redazione@toro.molise.it
Le comunicazioni non firmate non saranno prese in considerazione

P.S.
ToroWeb non è né un partito, né un organo istituzionale. È solo una pagina internet, che vuole raccontare il paese.
Un grazie di cuore ai lettori per l'attenzione che ci accordano da ventidue anni.
Canali
· Home
· @toro.molise.it
· Aggiungi News
· Archivio News
· Argomenti
· Cerca
· Chat
· Dove siamo
· Gli Appuntamenti
· GuestBook
· Login
· Meteo
· News dal vecchio sito
· Sondaggio
· Statistiche
· Tags
· Top 10
· Web Links
Altri articoli
Mercoledì, 03 aprile
· 30 anni fa inaugurato il "Cristo Risorto" nel camposanto di Toro
Giovedì, 28 marzo
· Pasqua 2024: i riti della Settimana Santa
Mercoledì, 27 marzo
· Lutto, è deceduto Carmine Mancino di anni 84
Venerdì, 15 marzo
· Festa di San Giuseppe 2024
Giovedì, 14 marzo
· Lutto, è deceduta Marietta Josue
Martedì, 12 marzo
· Lutto, è deceduta Antonietta Di Girolamo di anni 89
Martedì, 05 marzo
· Lutto, è deceduto Mario Mosca di anni 86
Sabato, 24 febbraio
· Lutto, è deceduto Josè Di Donato di anni 54
Sabato, 17 febbraio
· Lutto, è deceduta Teresa Mitra di anni 91
Mercoledì, 14 febbraio
· Lutto, è deceduto Salvatore Moffa di anni 93

Articoli Vecchi
GoogleAdSense
News ante Aprile 2007


· Notizie da gennaio 2004 ad aprile 2007

· Notizie 2002-2003
Ultimi Commenti
· APA : Lutto, è deceduto Gaetano Di Toro di anni 62- in data (19/3/2021)
· Giovanni Mascia : L'Ecce Homo di Toro studiato e presentato in Spagna- in data (13/1/2021)
· Torese : L'Ecce Homo di Toro studiato e presentato in Spagna- in data (13/1/2021)
· Giovanni Mascia : IL BACIO DEL BAMBINO - Sfilata dei toresi con i loro storici soprannomi- in data (11/1/2021)
· Torese : IL BACIO DEL BAMBINO - Sfilata dei toresi con i loro storici soprannomi- in data (11/1/2021)
· Giovanni Mascia : Antiche fotografie toresi di casa Trotta- in data (12/12/2020)
· Torese : Antiche fotografie toresi di casa Trotta- in data (9/12/2020)
· Enzo : Entusiasmante fotografare la cometa Neowise nel nostro cielo- in data (17/7/2020)
· ramossino : Entusiasmante fotografare la cometa Neowise nel nostro cielo- in data (16/7/2020)
· Giovanni Mascia : Festa dell'Incoronata 1905: banda di Riccia a Toro in divisa da Bersagliere- in data (25/10/2019)
· Enzo : Inizio Corso di potatura dell'olivo 2018- in data (18/4/2018)
· Giovanni Mascia : Caro Giovanni Rossodivita, impara a leggere!- in data (15/10/2017)
· Giovanni Rossodivita : Un sindaco e relativo consiglio comunale "sotto tutela"!- in data (14/10/2017)
· Giovanni Mascia : A proposito del tragico fattaccio di settant'anni fa- in data (20/9/2017)
· Giovanni Rossodivita : Il drammatico fattaccio di Toro- in data (20/9/2017)
· Giovanni Rossodivita : Un forte segnale di cambiamento e di rinnovamento- in data (16/7/2017)
· hermes_toro : Acqua pubblica: Toro non aderisce all’Egam- in data (16/7/2017)
· Giovanni Rossodivita : Coraggio! Non aderire all'Egam- in data (15/7/2017)
· hermes_toro : Strada Comunale della Selva per Jelsi: i residenti ringraziano- in data (4/7/2017)
· Roby : Roberto Quercio è il nuovo sindaco di Toro, eletto a furor di popolo- in data (21/6/2017)
28 marzo 1944: una bomba dilaniò il corpo del piccolo Mercurio Iacobucci
Settant'anni fa. primavera del 1944: Toro pagò alla guerra un altro pesantissimo tributo: Mercurio Iacobucci fu dilaniato dallo scoppio un ordigno bellico. Aveva solo dodici anni, il giovanissimo martire torese di guerra, che in assenza di commemorazioni ufficiali, ci permettiamo di onorare con questo modesto ricordo. La stessa sorte, di morte e dimenticanza era toccata nell'ottobre dell'anno precedente a Maria Teresa Grosso, incinta, e alla sua figlioletta Angelamaria Marcucci di soli sette anni, perite sotto il fuoco dei bombardamenti alleati (Clicca e leggi la loro vicenda).


Toro - "Gli eroi di Vittorio Veneto e i futuri difensori dell'Italia Imperiale Fascista di Mussolini":
così recita la beffarda didascalia della cartolina postale, edita da Alterocca, Terni, nel 1941.
Nella foto, tra i futuri difensori dell'Italia Imperiale, c'era anche il piccolo Mercurio Iacobucci?



A rievocare il tragico episodio che portò alla morte del dodicenne torese è il nipote che ha in comune con la vittima lo stesso nome e lo stesso cognome: Mercurio Iacobucci, molto conosciuto a Toro per la sua attività di fotografo e di operatore di ponpe funebri. Mercurio, il nostro interlocutore, è il figlio di Pasquale, morto da qualche anno. Pasquale, soprannominato Finocchietto, per intenderci, come i suoi tre fratelli che portavano o portano lo stesso soprannome di famiglia: Nicolino, anch’egli morto, Santuccio, che poi in verità si chiama Rocco, ed è il "nonno Rocco" dei gemelli Fracasso, Rocco e Giovanni, e il più giovane, Antonio, che vive negli Stati Uniti. Tutti e quattro, figli di Giovannantonio Finocchietto e di sua moglie, che era nativa di Monacilioni, e si chiamava Maria Pasquala Coccaro.

Giovannantonio e Maria Pasquala, di figli, ne avevano avuti cinque e non quattro. Il quinto si chiamava Mercurio, come il nipote, che, essendo nato il 29 marzo 1945, giusto a un anno di distanza della morte dello zio, avvenuta il 28 marzo 1944, era stato battezzato con lo stesso nome, in seguito assegnato anche ad altri due cugini più giovani, i figli di Santuccio e Antonio.

Era una mattinata di primavera e Mercurio, lo zio dodicenne, aveva portato a pascere le pecore dalle parti della sua masseria, la stessa dove nel dopoguerra si trasferirà da Riccia l'Appugliese, ossia il padre di Lorenzo Mignogna, l'operatore della Fisiomedica Loretana, conosciuto anche fuori dall’ambiente di lavoro come produttore di funghi cardarelli. In mezzo all’erba il piccolo Mercurio vide qualcosa che lo incuriosì, una sorta di barattolo. Chissà cosa pensava di trovarci dentro. Per provare ad aprirlo cominciò a percuoterlo con una pietra. Ci trovò uno scoppio, e con lo scoppio la morte.

Non si sa se insieme a lui guardasse le pecore o per caso si trovasse a passare un giovanotto, Antonio Parziale, detto Ceccuttille, allora diciannovenne. Dopo lo scoppio, Antonio recuperò i mozziconi le dita della mano dilaniata e li portò, con la notizia della morte del figlio alla madre, che aveva sentito il boato dalla non lontana masseria.

Fu allora che successe una cosa inaspettata, in apparenza inverosimile. La mamma di Mercurio, Maria Pasquale Coccaro, con un gesto rapido e inconsulto si gettò in bocca i mozziconi delle dita e provò a inghiottirli, ma non ci riuscì. Le dita del figlio le rimasero in gola e fu lì lì per strozzarsi. Solo a fatica riuscirono a liberarla. Riprese a piangere e disperarsi. E più si disperava lei, più si disperavano il marito e i figli superstiti nelle ore seguenti. Anche perché solo il figlio morto sapeva dove aveva nascosto la chiave della stalla della masseria, dove erano rinchiusi i buoi che rischiavano di morire di fame e di sete e muggivano da far spavento.

- Tu, Mercurio, me lo devi dire dove hai nascosto la chiave!, - continuava a ripetere e, ripetendo, a piangere la madre, finché per la spossatezza non si appisolò. E Mercurio ne approfittò per comparirle in sogno e indicarle dove aveva nascosto la chiave della stalla.

Sul luogo dello scoppio, i familiari piantarono una croce, ma chissà se c'è ancora, sommerso com'è, il luogo, da sterpi e da una selva inestricabile di rovi. Di Mercurio Iacobucci, la giovane vittima di guerra, oggi resta solo il nome, un nudo nome inciso su una delle lapidi del Monumento ai Caduti di Toro. Significativamente è accostato a quello di (Maria) Teresa Grosso, vittima civile anche lei degli orrori della guerra. Ma non c'è ancora traccia, nonostante le promesse dell'amministrazione comunale in sede di consiglio (clicca e leggile nel resoconto del Consiglio Comunale del 13 Novembre 2013), del nome della piccola Angelamaria Marcucci, di sette anni, figlia di Maria Teresa. Non manca, invece, e proprio sulla stessa lapide, il nome di Luigi Alberto Trotta, capitano dei marò di San Marco, caduto in Tunisia, al quale è intitolata la piazza su cui sorge il monumento. Lo torniamo a dire: a nostro modesto avviso, sarebbe più giusto intitolare la piazza anche a tutte le vittime toresi di guerra, militari e civili.



Il nome di Mercurio è inciso subito dopo quello di Teresa Grosso, vittima di guerra anche lei
Ma quando vi leggeremo anche il nome della figlia Angelamaria di sette anni?



Toro, monumento ai caduti toresi in Piazza Luigi Alberto Trotta,
piazza che sarebbe più giusto intitolare anche a tutte le vittime toresi di guerra, militari e civili


Nota: Foto Enzo Mascia, 3 aprile 2014
Postato il Giovedì, 03 aprile 2014 @ 13:02:05 di giovanni_mascia
 
Links Correlati
· Inoltre Toresi benemeriti
· News by giovanni_mascia


Articolo più letto relativo a Toresi benemeriti:
Angiolino Mascia: 20 mesi nell'inferno di un lager nazista

Article Rating
Average Score: 1
Voti: 1


Please take a second and vote for this article:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

Facebook

Twitter

Msn
Associated Topics

Cultura

"28 marzo 1944: una bomba dilaniò il corpo del piccolo Mercurio Iacobucci" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

TORO Web ideato e realizzato da Carmine Felice e Giovanni Mascia, con la collaborazione di Sandro Nazzario e Vincenzo Mascia.

phpNuke Theme design by Carmine Felice