TORO Web - Terremoti e culto della personalità nelle lapidi della chiesa di Toro/ 6
Scrivi a TOROWeb
ToroWeb è dal 1999 a disposizione di Toro e dei toresi. Chiunque, privato o circolo o associazione o ente, abbia notizie, avvisi, foto, dubbi o chiarimenti da pubblicare, può inviare a: redazione@toro.molise.it
Le comunicazioni non firmate non saranno prese in considerazione

P.S.
ToroWeb non è né un partito, né un organo istituzionale. È solo una pagina internet, che vuole raccontare il paese.
Un grazie di cuore ai lettori per l'attenzione che ci accordano da ventidue anni.
Canali
· Home
· @toro.molise.it
· Aggiungi News
· Archivio News
· Argomenti
· Cerca
· Chat
· Dove siamo
· Gli Appuntamenti
· GuestBook
· Login
· Meteo
· News dal vecchio sito
· Sondaggio
· Statistiche
· Tags
· Top 10
· Web Links
Altri articoli
Domenica, 17 gennaio
· Covid: muore architetto di 52 anni, dolore e sgomento a Toro e CB
Sabato, 16 gennaio
· Lutto, è deceduta Teresa Giangiacomo di anni 94
Mercoledì, 13 gennaio
· Lutto, è deceduto il prof. Nicola Mazzarino
Martedì, 12 gennaio
· L'Ecce Homo di Toro studiato e presentato in Spagna
Sabato, 09 gennaio
· Lutto, è deceduto Salvatore Tucci
Mercoledì, 06 gennaio
· IL BACIO DEL BAMBINO - Sfilata dei toresi con i loro storici soprannomi
Lunedì, 28 dicembre
· Albero abbattuto dal vento, Bloccata una strada che conduce al paese
Sabato, 19 dicembre
· 1942. La storia dolorosa della cartolina di un antifascista a Toro
Venerdì, 18 dicembre
· Lutto, è deceduta Giuseppina Simonelli di anni 92
Sabato, 12 dicembre
· Araldica torese. Cento anni fa, l’atto di coraggio di una guardia comunale

Articoli Vecchi
GoogleAdSense
News ante Aprile 2007


· Notizie da gennaio 2004 ad aprile 2007

· Notizie 2002-2003
Ultimi Commenti
· APA : Lutto, è deceduto Gaetano Di Toro di anni 62- in data (19/3/2021)
· Giovanni Mascia : L'Ecce Homo di Toro studiato e presentato in Spagna- in data (13/1/2021)
· Torese : L'Ecce Homo di Toro studiato e presentato in Spagna- in data (13/1/2021)
· Giovanni Mascia : IL BACIO DEL BAMBINO - Sfilata dei toresi con i loro storici soprannomi- in data (11/1/2021)
· Torese : IL BACIO DEL BAMBINO - Sfilata dei toresi con i loro storici soprannomi- in data (11/1/2021)
· Giovanni Mascia : Antiche fotografie toresi di casa Trotta- in data (12/12/2020)
· Torese : Antiche fotografie toresi di casa Trotta- in data (9/12/2020)
· Enzo : Entusiasmante fotografare la cometa Neowise nel nostro cielo- in data (17/7/2020)
· ramossino : Entusiasmante fotografare la cometa Neowise nel nostro cielo- in data (16/7/2020)
· Giovanni Mascia : Festa dell'Incoronata 1905: banda di Riccia a Toro in divisa da Bersagliere- in data (25/10/2019)
· Enzo : Inizio Corso di potatura dell'olivo 2018- in data (18/4/2018)
· Giovanni Mascia : Caro Giovanni Rossodivita, impara a leggere!- in data (15/10/2017)
· Giovanni Rossodivita : Un sindaco e relativo consiglio comunale "sotto tutela"!- in data (14/10/2017)
· Giovanni Mascia : A proposito del tragico fattaccio di settant'anni fa- in data (20/9/2017)
· Giovanni Rossodivita : Il drammatico fattaccio di Toro- in data (20/9/2017)
· Giovanni Rossodivita : Un forte segnale di cambiamento e di rinnovamento- in data (16/7/2017)
· hermes_toro : Acqua pubblica: Toro non aderisce all’Egam- in data (16/7/2017)
· Giovanni Rossodivita : Coraggio! Non aderire all'Egam- in data (15/7/2017)
· hermes_toro : Strada Comunale della Selva per Jelsi: i residenti ringraziano- in data (4/7/2017)
· Roby : Roberto Quercio è il nuovo sindaco di Toro, eletto a furor di popolo- in data (21/6/2017)
Terremoti e culto della personalità nelle lapidi della chiesa di Toro/ 6
Sesta puntata. L'iscrizione della campana rifusa nel 1916. Come abbiamo visto, la generosità della popolazione di Toro, di concerto con le sovvenzioni governative, aveva portato nel giro di un paio di anni al magnifico restauro e, nell’estate del 1916, alla riapertura al culto della Chiesa Madre, che era rimasta danneggiata e interdetta ai fedeli a seguito del terremoto del 4 ottobre 1913. Ma la cronaca di quell’anno di guerra e di carestia ci ha lasciato un altro segno tangibile della carità dei cittadini.



Fiumana di gente in una processione di San Mercurio di Inizio Novecento


È nota la devozione della popolazione di Toro per San Mercurio il suo Santo Patrono. I toresi lo hanno invocato sempre, specialmente in tempi di guerra, per implorare protezione per i figli militari, senza trascurare di tributargli i dovuti onori in occasione della tradizionale ricorrenza del 26 agosto, giorno della traslazione dei suoi resti da Quintodecimo a Benevento, per opera del principe Adelchi II nel 768 d.C.

Dal rendiconto delle celebrazioni ufficiali del 1916, in piena guerra mondiale, rileviamo il ruolo fondamentale che l’emigrazione aveva già assunto a trent’anni circa dalla grande ondata transoceanica di fine Ottocento. Delle 1546,25 lire raccolte, ben 505 lire, oltre un terzo del totale, furono raccolte tra gli emigranti in America. Notevole pure le rimesse, 147 lire, che i soldati inviarono dal fronte. Mentre, in paese furono raccolte 478,75 lire in grano e solo 175,5 lire in contanti, a dimostrazione, qualora fosse necessaria, di come la gran parte della popolazione continuasse ad attingere le sue risorse dall’agricoltura in una contesto economico arcaico, basato ancora sullo scambio e sul baratto piuttosto che sul contante.

Da fonti che oggi possono apparire curiose le restanti somme raccolte: 80 lire per l’affitto dei vestiti dei bambini portati in processione come dei piccoli San Mercurio, con elmi corazze e spade di latta, e 70 lire per il privilegio accordato ai devoti di portare a spalla la statua.



Un nugolo di piccoli San Mercurio con fascia, elmo e pennacchio
in una processione di San Mercurio di Inizio Novecento



Non ci furono segni esteriori di giubilo e di festa, ma solenni funzioni religiose, l’imponente processione, il restauro della statua e la rifusione della campana grande, resasi necessaria a distanza di quasi un secolo dalla sua fusione.



Estate 1916. Ragazzini e donne curiose fanno ressa attorno alla campana rifusa,
poggiata in Piazza del Piano, in attesa di essere risistemata sul campanile



Alla sua voce i cuori in ansia affidavano la speranza di uno scampanio di gioia annunciante la fine della guerra, e dello stillicidio dei telegrammi che con cadenza inesorabile arrivavano giorno dopo giorno ad annunciare a madri, padri, mogli, fratelli, figli, familiari, amici e paesani il decesso del loro congiunto al fronte, o per dirla con De André, dell’eroe che aveva ben meritato la “gloria/ d'una medaglia alla memoria”.



Estate 1916. Un momento significativo delle operazioni per risistemare la campana rifusa sul campanile


Sulla campana fu sbalzata a rilievo l'immagine di San Mercurio, accanto a quelle della Vergine Immacolata di San Nicola e di un busto del Salvatore. Pure a rilievo, fu apposta una iscrizione molto interessante:

FU FUSA A TORO DALLA FONDERIA MARINELLI DI AGNONE NEL 1828
È STATA RIFUSA IN AGNONE DALLA STESSA NEL 1916
A SPESE DI QUESTO POPOLO
PER CURA DEL PARROCO INTERINALE
DON ARCANGELO SANTILLO





Effige di San Mercurio sbalzata a rilievo sulla campana maggiore del campanile di Toro
(Foto Luciano Marcucci)



Ad accollarsi le spese della rifusione della campana, ancora una volta "questo popolo", cioè il popolo torese, che già aveva provveduto in tal senso una novantina di anni prima, quando la campana era stata fusa in paese in occasione della riapertura della chiesa ricostruita, a distanza di 23 anni dal terremoto del 1805 che ne aveva provocato il crollo. Segno dei tempi, nel 1828 la fonderia Marinelli aveva trovato più comodo spostare le maestranze per fondere la campana sul posto, a Toro, anziché prepararla in fonderia e provvedere al successivo trasporto. Con ogni probabilità a influire sulla scelta furono lo stato delle strade di collegamento tra Agnone e Toro e i mezzi inidonei per il trasporto di un carico così pesante

Il sobrio dettato dell'iscrizione non è guastato più di tanto dalla menzione specifica al cosiddetto "parroco interinale", Don Arcangelo Santillo. Certo sorprende vedere riferita la menzione ad personam, che compare per la prima volta in una iscrizione di pertinenza della chiesa Madre di Toro, ad un supplente che non sarà mai insignito della dignità arcipretale e tanto meno della carica di parroco. In oltre tre secoli di storia documentata da fine Cinquecento a inizio Novecento, ce n'erano stati di santi e dotti sacerdoti, posti a capo del capitolo della Chiesa del Santissimo Salvatore, che avrebbero meritato di vedere il proprio nome eternato sul marmo o sul bronzo. Così va il mondo.

Bene, la campana rifusa nel 1916 è giunta ad oggi ancora integra. La sua sonorità inconfondibile, potente e melodiosa, continua a scandire le giornate dei toresi di Toro e il flusso di nostalgia dei toresi sparsi per il mondo. Si avvia a festeggiare un secolo di onorato servizio: cent’anni di scampanii festosi e rintocchi funebri, di rombi allarmati e squilli sereni, colonna sonora di una comunità che nonostante tutto, tra alti e bassi, continua a ritrovarsi e a riconoscersi all’ombra del campanile. O per dire meglio: du campanare



Il marchio della Fonderia Marinelli apposto sulla campana maggiore di Toro nel 1916
(Foto Luciano Marcucci)



(Continua)
___________________

- Clicca e leggi la prima puntata: "Il cartiglio secentesco collegato al terremoto del 1688"
- Clicca e leggi la seconda puntata: "La lapide del portale che ricorda il terremoto del 26 luglio 1805"
- Clicca e leggi la terza puntata: "La lapide della scalinata di accesso 1885""
- Clicca e leggi la quarta puntata: "La lapide del campanile (1893)"
- Clicca e leggi la quinta puntata: "La lapide del terremoto 1913"
Postato il Domenica, 22 marzo 2015 @ 23:00:00 di giovanni_mascia
 
Links Correlati
· Inoltre Monumenti
· News by giovanni_mascia


Articolo più letto relativo a Monumenti:
San Mercurio a Campobasso

Article Rating
Average Score: 5
Voti: 2


Please take a second and vote for this article:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

Facebook

Twitter

Msn
Associated Topics

Chiesa Parrocchia Caritas

"Terremoti e culto della personalità nelle lapidi della chiesa di Toro/ 6" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

TORO Web ideato e realizzato da Carmine Felice e Giovanni Mascia, con la collaborazione di Sandro Nazzario e Vincenzo Mascia.

phpNuke Theme design by Carmine Felice