TORO Web - Inno al fiume Tappino. Anzi alla Chiata Senzasangue
Scrivi a TOROWeb
ToroWeb è dal 1999 a disposizione di Toro e dei toresi. Chiunque, privato o circolo o associazione o ente, abbia notizie, avvisi, foto, dubbi o chiarimenti da pubblicare, può inviare a: redazione@toro.molise.it
Le comunicazioni non firmate non saranno prese in considerazione

P.S.
ToroWeb non è né un partito, né un organo istituzionale. È solo una pagina internet, che vuole raccontare il paese.
Un grazie di cuore ai lettori per l'attenzione che ci accordano da ventidue anni.
Canali
· Home
· @toro.molise.it
· Aggiungi News
· Archivio News
· Argomenti
· Cerca
· Chat
· Dove siamo
· Gli Appuntamenti
· GuestBook
· Login
· Meteo
· News dal vecchio sito
· Sondaggio
· Statistiche
· Tags
· Top 10
· Web Links
Altri articoli
Venerdì, 06 maggio
· Medaglia d'oro in Francia per la Tintilia Herero 16 di Toro
Mercoledì, 04 maggio
· ENCAUSTUM, LA PITTURA A FUOCO DEGLI ANTICHI
Martedì, 03 maggio
· Diego Tucci - Laurea
Domenica, 01 maggio
· Lutto, è deceduta Annina Rossodivita di anni 85
Sabato, 30 aprile
· Carrellata di foto della Settimana Santa 2022
Venerdì, 29 aprile
· Festa dell'Incoronata 2022: il programma
Lunedì, 25 aprile
· Presentazione del libro di Libero Cutrone sui dipinti murali del convento
Sabato, 23 aprile
· Lotteria Audax Toro 2022: i venti numeri vincenti
Venerdì, 22 aprile
· Lutto, è deceduta Carmela Ciocca di anni 90
· Perché si suona Ventunore e perché si chiama così?

Articoli Vecchi
GoogleAdSense
News ante Aprile 2007


· Notizie da gennaio 2004 ad aprile 2007

· Notizie 2002-2003
Ultimi Commenti
· APA : Lutto, è deceduto Gaetano Di Toro di anni 62- in data (19/3/2021)
· Giovanni Mascia : L'Ecce Homo di Toro studiato e presentato in Spagna- in data (13/1/2021)
· Torese : L'Ecce Homo di Toro studiato e presentato in Spagna- in data (13/1/2021)
· Giovanni Mascia : IL BACIO DEL BAMBINO - Sfilata dei toresi con i loro storici soprannomi- in data (11/1/2021)
· Torese : IL BACIO DEL BAMBINO - Sfilata dei toresi con i loro storici soprannomi- in data (11/1/2021)
· Giovanni Mascia : Antiche fotografie toresi di casa Trotta- in data (12/12/2020)
· Torese : Antiche fotografie toresi di casa Trotta- in data (9/12/2020)
· Enzo : Entusiasmante fotografare la cometa Neowise nel nostro cielo- in data (17/7/2020)
· ramossino : Entusiasmante fotografare la cometa Neowise nel nostro cielo- in data (16/7/2020)
· Giovanni Mascia : Festa dell'Incoronata 1905: banda di Riccia a Toro in divisa da Bersagliere- in data (25/10/2019)
· Enzo : Inizio Corso di potatura dell'olivo 2018- in data (18/4/2018)
· Giovanni Mascia : Caro Giovanni Rossodivita, impara a leggere!- in data (15/10/2017)
· Giovanni Rossodivita : Un sindaco e relativo consiglio comunale "sotto tutela"!- in data (14/10/2017)
· Giovanni Mascia : A proposito del tragico fattaccio di settant'anni fa- in data (20/9/2017)
· Giovanni Rossodivita : Il drammatico fattaccio di Toro- in data (20/9/2017)
· Giovanni Rossodivita : Un forte segnale di cambiamento e di rinnovamento- in data (16/7/2017)
· hermes_toro : Acqua pubblica: Toro non aderisce all’Egam- in data (16/7/2017)
· Giovanni Rossodivita : Coraggio! Non aderire all'Egam- in data (15/7/2017)
· hermes_toro : Strada Comunale della Selva per Jelsi: i residenti ringraziano- in data (4/7/2017)
· Roby : Roberto Quercio è il nuovo sindaco di Toro, eletto a furor di popolo- in data (21/6/2017)
Inno al fiume Tappino. Anzi alla Chiata Senzasangue
In questi giorni di solleone un inno al Tappino. Anzi alla Chiata Senzasangue che da decenni è solo un ricordo. Al suo posto i giganteschi piloni del viadotto della fondovalle Tappino. La Chiata Senzasangue era una sorta di paradiso incantato, un piccolo laghetto hawaiano, racchiuso tra un boschetto di pioppi, i campi di grano e le melucce verdi della riva.

Prima che le fogne trasformassero il fiume in uno scarico a cielo aperto, la chiata ha fatto da spiaggia, da mare con piscina incorporata, per i ragazzi di una volta, che non conoscevano le spiagge né il mare, né tantomeno le piscine. Nei caldi giorni d’estate, quattro salti a capaballe e ci si ritrovava (attenzione si parla solo dei maschi!), a sguazzare nelle acque fresche e correnti della Chiata. E pazienza se a sera, stracchi e strutti, toccava la salita a perdi fiato della costa per tornare in paese.



Primi Anni Cinquanta, ragazzi toresi a ridosso della chiata Senzasangue. Secondo Giovanni Rossodivita a scattare la foto fu Don Camillo proprio nel 1950. Si riconoscono: in alto da sinistra, Nicolino Iacobacci (Angiuljne), Giovanni Rossddivita (di Emma), Peppino Grimaldi (Enedina), Giovanni Paternuosto (Sagrestano), Luciano Serpone e Michele Paternuosto (Sagrestano).
In basso da sinistra: Martinagelo Caruso, Alberico Rossodivita, Peppe Fracasso (
Campanella), Nicola Iacobacci (Caporroni), Michele Fracasso (Carlone) e Filippo Salvatore (Crescinze).


Metà anni Sessanta, ragazzi toresi al fiume in compagnia del parroco Don Camillo Iacobucci.
I ragazzi nati negli Anni CInquanta sono stati gli ultimi fruitori della
Chiata Senzasangue



Postato il Martedì, 28 luglio 2015 @ 00:00:00 di giovanni_mascia
 
Links Correlati
· Inoltre Poesie e racconti
· News by giovanni_mascia


Articolo più letto relativo a Poesie e racconti:
Burle e rivalità campanilistiche: a Monacilioni le raccontano così

Article Rating
Average Score: 5
Voti: 1


Please take a second and vote for this article:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

Facebook

Twitter

Msn
Associated Topics

Tradizioni e feste

"Inno al fiume Tappino. Anzi alla Chiata Senzasangue" | Login/Crea Account | 3 commenti | Search Discussion
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

Re: Inno al fiume Tappino. Anzi alla Chiata Senzasangue (Voto: 1)
di Luca il Martedì, 28 luglio 2015 @ 17:40:08
(Info Utente )
Ciao Giovanni,
Ho letto lo scritto sulla Chiata Senzasangue: meravigliosa la ballata. Ovviamente non ho mai visto il posto, ma leggendo quei versi mi è sembrato di esserci stato tante e tante volte, persino con le persone ritratte nelle foto. Deliziosa l'ultima strofa che sospende la Chiata in un limbo tra realtà e sogno .
Ti abbraccio.
Luca Castiello



Re: Inno al fiume Tappino. Anzi alla Chiata Senzasangue (Voto: 1)
di Giovanni il Mercoledì, 29 luglio 2015 @ 10:55:27
(Info Utente )
Grazie, Luca. Molto gentile.
Ho apprezzato assai il tuo commento
.. Giovanni



Una bella soppressata alla Chiata Senzasangue (Voto: 1)
di Giovanni Rossodivita (giovianniross159@gmail.com>) il Giovedì, 30 luglio 2015 @ 14:07:51
(Info Utente )
Mi sono tornate alla mente le frequenti sfacchinate che facevamo d'estate per recarci al fiume, alla "chiata dei senza sanghe", la piccola e adorata spiaggetta di noi ragazzi! (quelli di noi più spericolati frequentavano il Ponte). Nei caldi pomeriggi d'estate, scendevamo di corsa la costa, partendo dalla masseria Beniamino, e in pochi minuti giungevano al fiume, lo attraversavamo, svoltavamo a destra e subito eravamo alla "nostra chiata".

Era un posto bellissimo: l'acqua non era profonda, c'era una piccola spiaggetta con sabbia bianca e finissima, uno dei numerosi alberi che ombreggiavano la riva si incurvava sull'acqua e veniva usato dai più ardimentosi per fare tuffi spericolati, e ,per completare, una specie di piccola e ombrosa pinetina (senza pini, naturalmente, ma con alberi di alto fusto, tipici delle rive di fiume), che veniva utilizzata da chi preferiva stare al fresco!

Ricordo che quando ci andavamo con don Camillo, lui si toglieva la tonaca nera, e, in canotta e pantaloncini bianchi, si sedeva là sotto gli alberi, e, con la zella al vento, sospirava: "Ah! Che bel fresco!".

Un pomeriggio, dopo aver fatto il bagno, sdraiati sulla spiaggetta al sole, parlando di ragazze, incominciammo a smanettare con il nostro pisellino. C'era, tra noi, un ragazzo più grande, di nome Rocco, che aveva una risatina tutta particolare, che tirò fuori il suo "coso", e, con la tipica vanità mascolina, si vantò: "Questa è una bella sopressata!", facendo il confronto con i nostri pisellini.

Con il fresco, ci mettevamo sulla via del ritorno. Giunti ai piedi della costa, ci sfidavamo a chi arrivava primo al paese: io, con passo accelerato e costante, distanziavo tutti, e, dopo una breve sosta alla caratteristica fontana-abbeveratoio che si trovava a metà costa, giungevo, quasi sempre, primo al paese, sudato e impolverato più di quanto non fossi alla partenza da Toro!
Ciao, alla prossima,
Giovanni Rossodivita


TORO Web ideato e realizzato da Carmine Felice e Giovanni Mascia, con la collaborazione di Sandro Nazzario e Vincenzo Mascia.

phpNuke Theme design by Carmine Felice