TORO Web - Araldica torese/11- Il misterioso angelo del camposanto
Scrivi a TOROWeb
ToroWeb è dal 1999 a disposizione di Toro e dei toresi. Chiunque, privato o circolo o associazione o ente, abbia notizie, avvisi, foto, dubbi o chiarimenti da pubblicare, può inviare a: redazione@toro.molise.it
Le comunicazioni non firmate non saranno prese in considerazione

P.S.
ToroWeb non è né un partito, né un organo istituzionale. È solo una pagina internet, che vuole raccontare il paese.
Un grazie di cuore ai lettori per l'attenzione che ci accordano da ventidue anni.
Canali
· Home
· @toro.molise.it
· Aggiungi News
· Archivio News
· Argomenti
· Cerca
· Chat
· Dove siamo
· Gli Appuntamenti
· GuestBook
· Login
· Meteo
· News dal vecchio sito
· Sondaggio
· Statistiche
· Tags
· Top 10
· Web Links
Altri articoli
Mercoledì, 27 marzo
· Lutto, è deceduto Carmine Mancino di anni 84
Venerdì, 15 marzo
· Festa di San Giuseppe 2024
Giovedì, 14 marzo
· Lutto, è deceduta Marietta Josue
Martedì, 12 marzo
· Lutto, è deceduta Antonietta Di Girolamo di anni 89
Martedì, 05 marzo
· Lutto, è deceduto Mario Mosca di anni 86
Sabato, 24 febbraio
· Lutto, è deceduto Josè Di Donato di anni 54
Sabato, 17 febbraio
· Lutto, è deceduta Teresa Mitra di anni 91
Mercoledì, 14 febbraio
· Lutto, è deceduto Salvatore Moffa di anni 93
Sabato, 10 febbraio
· Lutto, è deceduto Mario Monachesi di anni 79
Sabato, 03 febbraio
· VI° Memorial Carlo Marcucci

Articoli Vecchi
GoogleAdSense
News ante Aprile 2007


· Notizie da gennaio 2004 ad aprile 2007

· Notizie 2002-2003
Ultimi Commenti
· APA : Lutto, è deceduto Gaetano Di Toro di anni 62- in data (19/3/2021)
· Giovanni Mascia : L'Ecce Homo di Toro studiato e presentato in Spagna- in data (13/1/2021)
· Torese : L'Ecce Homo di Toro studiato e presentato in Spagna- in data (13/1/2021)
· Giovanni Mascia : IL BACIO DEL BAMBINO - Sfilata dei toresi con i loro storici soprannomi- in data (11/1/2021)
· Torese : IL BACIO DEL BAMBINO - Sfilata dei toresi con i loro storici soprannomi- in data (11/1/2021)
· Giovanni Mascia : Antiche fotografie toresi di casa Trotta- in data (12/12/2020)
· Torese : Antiche fotografie toresi di casa Trotta- in data (9/12/2020)
· Enzo : Entusiasmante fotografare la cometa Neowise nel nostro cielo- in data (17/7/2020)
· ramossino : Entusiasmante fotografare la cometa Neowise nel nostro cielo- in data (16/7/2020)
· Giovanni Mascia : Festa dell'Incoronata 1905: banda di Riccia a Toro in divisa da Bersagliere- in data (25/10/2019)
· Enzo : Inizio Corso di potatura dell'olivo 2018- in data (18/4/2018)
· Giovanni Mascia : Caro Giovanni Rossodivita, impara a leggere!- in data (15/10/2017)
· Giovanni Rossodivita : Un sindaco e relativo consiglio comunale "sotto tutela"!- in data (14/10/2017)
· Giovanni Mascia : A proposito del tragico fattaccio di settant'anni fa- in data (20/9/2017)
· Giovanni Rossodivita : Il drammatico fattaccio di Toro- in data (20/9/2017)
· Giovanni Rossodivita : Un forte segnale di cambiamento e di rinnovamento- in data (16/7/2017)
· hermes_toro : Acqua pubblica: Toro non aderisce all’Egam- in data (16/7/2017)
· Giovanni Rossodivita : Coraggio! Non aderire all'Egam- in data (15/7/2017)
· hermes_toro : Strada Comunale della Selva per Jelsi: i residenti ringraziano- in data (4/7/2017)
· Roby : Roberto Quercio è il nuovo sindaco di Toro, eletto a furor di popolo- in data (21/6/2017)
Araldica torese/11- Il misterioso angelo del camposanto
Questo articolo è stato sollecitato da un gruppo di giovani toresi, incuriositi dalla scultura di un angelo a grandezza d'uomo che campeggia tra le tombe del nostro camposanto, senza nessuna iscrizione che ne chiarisca la ragione e la provenienza.




Il manufatto, in apparenza un calco in cemento, lascerebbe supporre la tomba di un bimbo o comunque di un ragazzo, o se si vuole di una bimba o una ragazza, grazie alla credenza popolare che dice trasformati in angeli i fanciulli o gli adolescenti morti. O, al limite, la tomba di una giovane donna, se si guarda ai capelli con i boccoli, alle fattezze muliebri e al mazzo di rose, tra le mani dell’angelo dalle grandi ali.

In realtà, il monumentino, di nessun valore artistico sia chiaro, è ancora lì, dove in passato ha identificato la tomba di un giovanotto di Toro, all’anagrafe Salvatore Giuseppe Grimaldi. I familiari e gli amici lo chiamavano Peppe. Era nato giusto un secolo fa a Toro, nel 1916, nel pieno della prima guerra mondiale. Suo padre, il muratore Domenico Grimaldi. proveniva da Baragiano in provincia di Potenza, dove un antenato poteva essersi trapiantato dal comune calabrese di Grimaldi, in provincia di Cosenza, che gli aveva dato i natali e il cognome.

In Molise per lavoro a inizio Novecento, Domenico Grimaldi era capitato a Toro e vi aveva conosciuto e sposato Martinella Ferrara (Martenèlle de Rjte), una ragazza che diverrà molto popolare in paese come tenutaria di un forno a paglia in via Occidentale, Sotto il Palazzo tanto per intenderci, quando il pane si impastava in casa e si portava a cuocere nei forni comuni.

In mancanza di orologi o sveglie, mentre una aiutante provvedeva ad alimentare il fuoco con la paglia, toccava a Martinella portarsi casa per casa per avvisare le popolane, che avevano già ammassato, che era giunta l'ora di spianare la pasta e di portarla con le tipiche ceste di canne intrecciate, le pagliole, al forno, dove lei avrebbe provveduto a informarla e quindi, di lì a poco, a sfornarla in panelli di pane.



Dettaglio di un tipico e monumentale forno a paglia torese,
sito Sotto il Barbacane, dismesso da una cinquantina d'anni.



I coniugi Grimaldi ebbero sei figli. Due donne, Maria Antonia (1912, sposata “fuori terra”) e Carmela (1920), e quattro maschi: Giovanni (1914), appunto Peppe (1916), Antonio (1921) e Mario Mercurio (1925).

Giovanni e Peppe avevano seguito le orme paterne nella professione di muratore, ma Peppe dopo qualche tempo di apprendistato preferì iniziare un percorso lavorativo diverso, presso una ditta campobassana di marmi e arte funeraria. Quando lo colse la morte repentina e inaspettata (a quel tempo si viveva con niente e si moriva per niente, un’influenza, una polmonite), non aveva neppure compiuto venti anni. Era il 17 aprile 1936.

Nel compianto generale si confusero le lacrime della fidanzata, che in seguito prese il velo e divenne una delle suore immacolatine toresi più rappresentative e influenti: Suor Nicolina De Sanctis ('a mòneche Maste Carle). Ma memorabile è rimasto il lamento funebre di Carmela, la sorella sedicenne poi maritata al falegname, anzi più precisamente al secchiaio Giovanni Di Carlo (Giuuanne de Tjtte). Carmela implorava al Signore di dare la forza alla madre sventurata per permetterle di piangere il figlio morto.

Il Signore esaudì la richiesta della ragazza. Martinella Ferrara ebbe la forza di piangere e seppellire il figlio, sulla cui fossa i datori di lavoro installarono l’angelo di cemento che suscitò la meraviglia in una popolazione abituata a fosse corredate solo di croci di legno. Non solo. Pochi anni dopo, addirittura, Martinella dovette trovare la forza per piangere e seppellire un altro figlio ventenne, Antonio, morto durante la Seconda guerra mondiale presso l’Ospedale Militare di Napoli.



Toro, Monumento ai Caduti (dettaglio):
il nome di Antonio Grimaldi è inciso in una delle lapidi con i morti della Seconda Guerra Mondiale



Come di rito, con i nomi dei due poveri giovani furono battezzati i figli dei fratelli superstiti. Al figlio unigenito di Giovanni Grimaldi ed Enedina Rossodivita, fu dato il nome di Giuseppe, e per tutti fu Peppino. Oggi è colonnello dell’Aeronautica in pensione e vive a Bari, ma a Toro, suo paese di nascita e dei primi vent’anni, è ancora conosciuto con il nome di Peppino Anèdjne. Ha moglie e tre figli, tra cui un maschio, Giancarlo. Dal canto suo, il più giovane dei fratelli Grimaldi, il fabbro Mario Mercurio, emigrato in Venezuela nel dopoguerra, ha posto il nome di Toni (Antonio), al figlio che vive a Barquisimeto.

Tocca a loro, a Giancarlo in Puglia e a Toni in Venezuela, portare avanti la discendenza della famiglia Grimaldi, che a Toro ha vissuto una esistenza durata non più di un secolo, segnata drammaticamente da due dolorosissimi lutti prematuri.

_______________

Un saluto e un grazie di cuore al colonnello Giuseppe Grimaldi per la fondamentale collaborazione.


Altre puntate della serie:
Araldica torese 10 - Per una storia della famiglia Colledanchise di Toro
...
Araldica torese/8. La sirena e l'America del sindaco Rossodivita
Araldica torese/ 5 - Una caratteristica di Toro: le strette e ripide rue
Araldica torese/ 4 - Araldica torese/4 - Mercurio e altri nomi tradizionali ed esotici di Toro
Araldica torese 3/2. Gli orfani bianchi di Don Camillo e del maestro Sanges
Araldica torese 3/1. Soprannomi storici di casa nostra
Araldica torese 2/2. Culaperti, coppoloni, vicci (cioè toresi, riccesi e cercesi), sentieri di fango e querce monumentali
Araldica torese 2/1. Quando cercesi e ricciaroli ci cacciarono fuori da Toro
Araldica torese/ 1 - TORO NEL CINQUECENTO
Postato il Sabato, 03 dicembre 2016 @ 23:00:00 di giovanni_mascia
 
Links Correlati
· Inoltre Cultura
· News by giovanni_mascia


Articolo più letto relativo a Cultura:
Presentazione di "Affreschi per il Papa": una serata indimenticabile

Article Rating
Average Score: 0
Voti: 0

Please take a second and vote for this article:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

Facebook

Twitter

Msn
Associated Topics

Curiosità

"Araldica torese/11- Il misterioso angelo del camposanto" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

TORO Web ideato e realizzato da Carmine Felice e Giovanni Mascia, con la collaborazione di Sandro Nazzario e Vincenzo Mascia.

phpNuke Theme design by Carmine Felice