TORO Web - C'era una volta la benedizione delle case a Toro
Scrivi a TOROWeb
ToroWeb è dal 1999 a disposizione di Toro e dei toresi. Chiunque, privato o circolo o associazione o ente, abbia notizie, avvisi, foto, dubbi o chiarimenti da pubblicare, può inviare a: redazione@toro.molise.it
Le comunicazioni non firmate non saranno prese in considerazione

P.S.
ToroWeb non è né un partito, né un organo istituzionale. È solo una pagina internet, che vuole raccontare il paese.
Un grazie di cuore ai lettori per l'attenzione che ci accordano da quasi diciott'anni.
Seguici su Facebook

Ultimi Commenti
· Giuseppe : Processione San Giuseppe 2017- in data (20/5/2017)
· Redazione : Duilio Cambellotti a Toro- in data (7/5/2017)
· Giovanni Rossodivita : Duilio Cambellotti a Toro- in data (7/5/2017)
· Redazione : Gli sconosciuti tesori artistici conservati a Toro: Duilio Cambellotti- in data (6/5/2017)
· Redazione : Conosciamo il nostro patrimonio storico e artistico? Un piccolo test- in data (9/3/2017)
· Giuseppe : Conosciamo il nostro patrimonio storico e artistico? Un piccolo test- in data (9/3/2017)
· Redazione : Conosciamo il nostro patrimonio storico e artistico? Un piccolo test- in data (9/3/2017)
· ramossino : Stiamo attenti e curiamo il nostro patrimonio storico e artistico, altrimenti...- in data (9/3/2017)
· Giovanni Rossodivita : Non è vero che a Toro "U munn va a cape cule"- in data (3/3/2017)
· Redazione : Lupi e impronte di lupo a Toro- in data (15/2/2017)
· APA : Lupi e impronte di lupo a Toro- in data (15/2/2017)
· Giovanni Rossodivita : Quando il Toro scendeva in campo con la divisa della Juve- in data (12/2/2017)
· Antonio : Quando il Toro scendeva in campo con la divisa della Juve- in data (11/2/2017)
· Redazione : Quando il Toro scendeva in campo con la divisa della Juve- in data (10/2/2017)
· APA : Quando il Toro scendeva in campo con la divisa della Juve- in data (9/2/2017)
· Redazione : Spopola su Facebook il fenomeno del sole tra le campane a Toro- in data (23/12/2016)
· Giovanni Rossodivita : I nomi dei ragazzi toresi della foto- in data (14/12/2016)
· Redazione : I nomi dei ragazzi toresi della foto- in data (13/12/2016)
· Giovanni Rossodivita : I nomi dei ragazzi toresi della foto- in data (13/12/2016)
· Redazione : Stiamo dando un nome ai ragazzi della foto Anni CInquanta- in data (12/12/2016)
Canali
· Home
· @toro.molise.it
· Aggiungi News
· Archivio News
· Argomenti
· Cerca
· Chat
· Dove siamo
· Gli Appuntamenti
· GuestBook
· Login
· Meteo
· News dal vecchio sito
· Sondaggio
· Statistiche
· Tags
· Top 10
· Web Links
Altri articoli
Martedì, 25 aprile
· 2^ Categoria gir. B (23^): Real Cercepiccola - Audax Toro 4-3
Domenica, 23 aprile
· Padre Armando convoca le associazioni di Toro
Sabato, 22 aprile
· Festa dell'Incoronata 2017: il programma
Venerdì, 21 aprile
· Lutto, è deceduta Maria Eva D'Ambrosio di anni 89
Martedì, 18 aprile
· Tradizioni molisane di Pasqua: la messa degli uomini a Toro e Agnone
Giovedì, 13 aprile
· "Pasquetta al ponte" - 1^ Edizione
Mercoledì, 12 aprile
· Ragazze toresi che si fanno onore: Arianna e Jessica
Lunedì, 10 aprile
· 2^ Categoria gir. B (22^): Audax Toro - Acli Calcio Campobasso 5-0
Sabato, 08 aprile
· Laurea, Giuseppe Miraglia
Venerdì, 07 aprile
· Pasqua 2017: i riti della Settimana Santa

Articoli Vecchi
GoogleAdSense
News ante Aprile 2007


· Notizie da gennaio 2004 ad aprile 2007

· Notizie 2002-2003
C'era una volta la benedizione delle case a Toro
C'era una volta. Anzi ci dovrebbe essere ancora la benedizione delle case, che come da tradizione si fa nel periodo pasquale. Sta di fatto che di monaci o preti quest'anno nelle case di Toro non se ne sono visti: Chissà perché. In attesa che qualcuno ce lo spieghi, gustiamoci un racconto di Vincenzo Colledanchise che rievoca i tempi della sua infanzia quando preti e monaci si litigavano le case del paese per quel po' di elemosina che ne cavavano in uova e pochi spiccioli.


Scena abituale d'altri tempi: il prete in giro per il paese per la benedizione delle case
con un aiutante ragazzino con il secchiello dell'acqua santa e il paniere per le uova
(Foto internet)



Appena giunto in convento, il nuovo padre guardiano si diresse in cucina. E dove poteva recarsi uno così grasso, se non in cucina? Era alto appena un metro e mezzo, il suo quintale di peso si accumulava tutto nella pancia. Da lontano sembrava un pallone marrone legato a un cordone bianco. Una volta entrati in confidenza, ci permise di pranzare insieme con lui, nell’invitante cucina dei monaci, e avemmo la riprova che, seppur molto pio, eccedeva smisuratamente nei peccati di gola. Divorava di tutto, con sano appetito, soprattutto salami, che accompagnava con mezzi panelli di pane e vino dei devoti, il migliore, quello destinato all’altare.

Essendo io, il suo chierichetto preferito, non potevo esimermi dall’accompagnarlo, in tempo di Pasqua, a benedire le case. Reggendo con una mano il canestro per le uova che la gente ci donava, e con l’altra il secchio d’argento dell’acqua benedetta, mi univo alle sue preghiere, cantilenando un latino approssimativo, distratto dalle suppellettili domestiche, dalle foto e dai quadri alle pareti.

Era tacito patto che il parroco benedicesse tutto il paese, tranne la via del convento, che toccava ai monaci, con tutte le case della campagna. Lungo la via del convento il padre guardiano si limitava ad assaggiare un buccellato o un fiadone e a bere un bicchierino. I guai iniziavano quando percorrevamo i viottoli di campagna. Già ai primi passi esclamava, madido di sudore: – Che fame, Tonì! … che fame…non ce la faccio più.

Penso che davvero l’aria fresca di campagna e lo sforzo di percorrerla in lungo e in largo gli provocassero una fame da lupo. Nei pressi della masseria dei D’Amico, dopo che avevamo benedetto già una decina di case, il padre guardiano, esausto, minacciò: – Tonì, qua ci fermiamo. Ieri sera, dopo la messa, Cristina mi ha detto che oggi ci avrebbe fatto trovare taccozze e fagioli.

Taccozze e fagioli rappresentavano per il sant’uomo il paradiso in terra e gli si inumidivano gli occhi e immagino anche la bocca già solo a nominarli. Ne mangiò a crepapelle. A tavola si era creato un clima di cordialità e allegria che cresceva con i bicchieri di vino rosso. In programma, c’era da benedire ancora qualche masseria del Parco e della Difensa ed infine tutto il Casino dei Magno, ma non fu possibile proseguire. Il padre guardiano si era ubriacato, senza che io capissi che tutta la sua euforia non era dovuta alle battute di zi’ Antonio, ma solamente al vino.

Con premura e prudenza, per non dare scandalo, aspettammo l’imbrunire, quando zi’ Antonio, non senza sforzi sovraumani, issò il monaco sul suo asino, legandolo saldamente al basto. Per evitargli il rischio di una rovinosa caduta, sistemò ai fianchi della vettura le segge, che servivano per il trasporto dei covoni di grano. Era già notte, la sua sagoma scura ondeggiava pericolosamente, sempre sul punto di rotolare di qua o di là, come una balla di fieno, ma riuscimmo a riportarlo in gran segreto in convento.
Postato il Lunedì, 01 maggio 2017 @ 00:00:00 di giovanni_mascia
 
Links Correlati
· Inoltre Tradizioni e feste
· News by giovanni_mascia


Articolo più letto relativo a Tradizioni e feste:
Per un ritratto completo del torese /2

Article Rating
Average Score: 5
Voti: 1


Please take a second and vote for this article:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

Facebook

Twitter

Msn
Associated Topics

Poesie e racconti

"C'era una volta la benedizione delle case a Toro" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

TORO Web ideato e realizzato da Carmine Felice e Giovanni Mascia, con la collaborazione di Sandro Nazzario e Vincenzo Mascia.

phpNuke Theme design by Carmine Felice