TORO Web - I bisturi del sanaporcelle nel museo di Vincenzo Colledanchise
Scrivi a TOROWeb
ToroWeb è dal 1999 a disposizione di Toro e dei toresi. Chiunque, privato o circolo o associazione o ente, abbia notizie, avvisi, foto, dubbi o chiarimenti da pubblicare, può inviare a: redazione@toro.molise.it
Le comunicazioni non firmate non saranno prese in considerazione

P.S.
ToroWeb non è né un partito, né un organo istituzionale. È solo una pagina internet, che vuole raccontare il paese.
Un grazie di cuore ai lettori per l'attenzione che ci accordano da quasi diciott'anni.
Seguici su Facebook

Ultimi Commenti
· Giovanni Mascia : Caro Giovanni Rossodivita, impara a leggere!- in data (15/10/2017)
· Giovanni Rossodivita : Un sindaco e relativo consiglio comunale "sotto tutela"!- in data (14/10/2017)
· Giovanni Mascia : A proposito del tragico fattaccio di settant'anni fa- in data (20/9/2017)
· Giovanni Rossodivita : Il drammatico fattaccio di Toro- in data (20/9/2017)
· Giovanni Rossodivita : Un forte segnale di cambiamento e di rinnovamento- in data (16/7/2017)
· hermes_toro : Acqua pubblica: Toro non aderisce all’Egam- in data (16/7/2017)
· Giovanni Rossodivita : Coraggio! Non aderire all'Egam- in data (15/7/2017)
· hermes_toro : Strada Comunale della Selva per Jelsi: i residenti ringraziano- in data (4/7/2017)
· Roby : Roberto Quercio è il nuovo sindaco di Toro, eletto a furor di popolo- in data (21/6/2017)
· Giuseppe : Roberto Quercio è il nuovo sindaco di Toro, eletto a furor di popolo- in data (12/6/2017)
· Giovanni Rossodivita : Per la prima volta a Toro un sindaco di "SInistra"- in data (12/6/2017)
· Giovanni : Sindaco Simonelli: sono stato imparziale e corretto in nome del buonsenso- in data (6/6/2017)
· APA : Sindaco Simonelli: sono stato imparziale e corretto in nome del buonsenso- in data (6/6/2017)
· Giuseppe : Sindaco Simonelli: sono stato imparziale e corretto in nome del buonsenso- in data (5/6/2017)
· Giovanni : Il mistero della Madonna del Pinturicchio, in mostra a Roma- in data (3/6/2017)
· APA : Il mistero della Madonna del Pinturicchio, in mostra a Roma- in data (3/6/2017)
· Giovanni : Il mistero della Madonna del Pinturicchio, in mostra a Roma- in data (2/6/2017)
· michele : Il mistero della Madonna del Pinturicchio, in mostra a Roma- in data (2/6/2017)
· Giuseppe : Il mistero della Madonna del Pinturicchio, in mostra a Roma- in data (2/6/2017)
· APA : Il mistero della Madonna del Pinturicchio, in mostra a Roma- in data (2/6/2017)
Canali
· Home
· @toro.molise.it
· Aggiungi News
· Archivio News
· Argomenti
· Cerca
· Chat
· Dove siamo
· Gli Appuntamenti
· GuestBook
· Login
· Meteo
· News dal vecchio sito
· Sondaggio
· Statistiche
· Tags
· Top 10
· Web Links
Altri articoli
Giovedì, 09 novembre
· Michele Paternuosto sul Corriere della sera: rischio di chiudere
Lunedì, 06 novembre
· Giornata Unità d'Italia e Forze Armate, i ringraziamenti del Sindaco
Venerdì, 03 novembre
· Giornata delle Forze Armate e dell’Unità Nazionale 2017
Giovedì, 02 novembre
· Lutto, è deceduto Giovanni Berardi, di anni 79
· Comune di Toro - Avviso aggiornamento albo scrutatori dei seggio elettorale
Martedì, 31 ottobre
· Mega pranzo per la premiazione 3° torneo misto di bocce Audax
Domenica, 29 ottobre
· I nati nel mitico 1967 hanno festeggiato i loro primi cinquant'anni
Lunedì, 23 ottobre
· I guardiani di Itatiba. Il 1° novembre sarà posta la prima pietra
· 2^ Categoria gir. B (2^): Munxhufuni - Audax Toro 2-1
Mercoledì, 18 ottobre
· Premiazione 3° torneo misto di bocce

Articoli Vecchi
GoogleAdSense
News ante Aprile 2007


· Notizie da gennaio 2004 ad aprile 2007

· Notizie 2002-2003
I bisturi del sanaporcelle nel museo di Vincenzo Colledanchise
Collezionismo e grande letteratura. Nella raccolta degli strumenti contadini di Vincenzo Colledanchise a Toro c'è un attrezzo tipico con il quale si esercitava un mestiere unico del passato, quello "du sanapercèlle”. U sanapercèlle girava annualmente per i paesi munito solo del suo tipico coltello a più bisturi sanando le porcelle, cioè togliendo le ovaie alle bestie giovani perché ingrassassero meglio e avessero carni più delicate.



Il tipico coltello del sanaporcelle conservato a Toro nel Museo della Civiltà Contadina di Vincenzo Colledanchise

Sanaporcelle (e non porcello né porcelli) perché la castrazione degli animali maschi non era complicata ed era eseguita in proprio dai contadini, che intervenivano sui maialetti di poche settimane, asportando i testicoli. Per le femmine le cose erano diverse, in quanto le ovaie sono interne e si sviluppano solo ad una certa età. La castrazione delle femmine, porcelle, era una vera e propria operazione chirurgica, che abbisognava di un operatore esperto come è ben descritto da Carlo Levi, medico e scrittore che l’ha vista compiere da un sanaporcelle, in Basilicata, precisamente a Gagliano a metà degli anni Trenta del secolo scorso,

Il resoconto dell'operazione Carlo Levi l'ha affidato a una pagina famosa del romanzo Cristo s'è fermato ad Eboli. Il titolo scelto dallo scrittore, confinato in Basilicata dai fascisti, riprende la convinzione dei locali, secondo i quali Eboli, in provincia di Salerno, è l’ultimo paese di cristiani (cristiani nel senso di uomini) poi vengono i loro paesi, quelli dove non si fa una vita da cristiani ma da animali.

Dettaglio più, dettaglio meno, era quanto avveniva anche a Toro e nei nostri paesi molisani.

Racconta dunque Carlo Levi:

      «Una sera che un vento selvaggio aveva portato qualche squarcio di sereno, udii squillare la tromba del banditore, e rullare il tamburo; la strana voce del becchino ripeteva, davanti a tutte le case, con la sua unica nota alta e strascicata, il suo appello. – Donne, è arrivato il sanaporcelle! Domattina, alle sette, tutte al Timbone della Fontana con le vostre porcelle. Donne, è arrivato il sanaporcelle! – La mattina il tempo era incerto, ma fra le nuvole basse appariva qualche lembo di cielo. La neve era quasi tutta sciolta: restava, a chiazze, qua e là, nei luoghi dove il vento l’aveva accumulata. Uscii presto di casa, e mi avviai. Il Timbone della Fontana era un largo spiazzo, quasi piano, fra i ponticelli di argilla, nei pressi dell’antica sorgente, un po’ fuori del paese, a destra della chiesa. Quando ci arrivai, nella luce ancora grigia lo vidi già pieno di folla. Quasi tutte le donne, giovani e vecchie, erano là; e molte tenevano al guinzaglio, come un cane, la loro scrofa: le altre le accompagnavano, e venivano ad assistere alla sanatura. Veli bianchi e scialli neri ondeggiavano al vento: un gran sussurrìo, un frastuono di voci, di grida, di risa, di grugniti, si spargeva nell’aria tagliente. Le donne erano tutte eccitate, rosse in viso, piene di apprensione e di appassionata attesa. I ragazzi correvano, i cani abbaiavano, tutto era movimento. In mezzo al Timbone stava ritto un uomo alto quasi due metri, e robusto, col viso acceso, i capelli rossi, gli occhi azzurri e dei gran baffi spioventi, che lo facevano assomigliare a un barbaro antico, a un Vercingetorige, capitato per caso in questi paesi di uomini neri. Era il sanaporcelle. Sanare le porcelle significa castrarle, quelle che non si tengono a far razza, perché ingrassino meglio, e abbiano carni più delicate. La cosa, per i maiali, non è difficile, e i contadini la fanno da soli, quando le bestie sono giovani. Ma alle femmine bisogna togliere le ovaie, e questo richiede una vera operazione di alta chirurgia. Questo rito è dunque eseguito dai sanaporcelle, mezzi sacerdoti e mezzi chirurghi. Ce ne sono pochissimi: è un’arte rara, che si tramanda di padre in figlio. Quello che io vidi, era un sanaporcelle famoso, figlio e nipote di sanaporcelle; e passava, di paese in paese, due volte all’anno, ad eseguire la sua opera. Aveva fama di essere abilissimo: era ben raro che una bestia gli morisse dopo l’operazione. Ma le donne trepidavano ugualmente, per il rischio e l’amore per l’animale familiare.



      Il Sanaporcelle nella trasposizione cinematografica di Francesco Rosi del
      Cristo si è fermato ad Eboli (ph Domenico Notarangelo)



      L’uomo rosso si ergeva possente in mezzo allo spiazzo, e affilava il coltello. Teneva in bocca, per aver libere le mani, un grosso ago da materassaio; uno spago, infilato nella cruna, gli pendeva sul petto; e aspettava la prossima vittima. Le donne esitavano attorno a lui: ciascuna spingeva la vicina o l’amica a portare per prima la sua bestia, con grandi esclamazioni e deprecazioni. Anche le scrofe pareva sapessero la sorte che le aspettava, e puntavano i piedi, o tiravano sulle corde per fuggire, e strillavano come ragazze impaurite, con quelle loro voci così umane. Una giovane donna si fece innanzi con la sua bestia, e due contadini che facevano da aiutanti afferrarono subito la maialina rosea, che si dibatteva e gridava di spavento. Tenendola ben ferma per le zampe, che legarono a dei paletti conficcati in terra, la sdraiarono a pancia all’aria. La scrofa urlava, la giovane si fece il segno della croce, e invocò la Madonna di Viaggiano, fra il mormorìo di partecipe consenso di tutte le altre donne; e l’operazione cominciò. Il sanaporcelle, rapido come il vento, fece un taglio col suo coltello ricurvo nel fianco dell’animale: un taglio sicuro e profondo, fino alla cavità dell’addome. Il sangue sprizzò fuori, mescolandosi al fango e alla neve: ma l’uomo rosso non perse tempo: ficcò la mano fino al polso nella ferita, afferrò l’ovaia e la trasse fuori. L’ovaia delle scrofe è attaccata con un legamento all’intestino: trovata l’ovaia sinistra, si trattava di estrarre anche la destra, senza fare una seconda ferita. Il sanaporcelle non tagliò la prima ovaia, ma la fissò con il suo grosso ago, alla pelle del ventre della scrofa; e, assicuratosi così che non sfuggisse, cominciò con le due mani a estrarre l’intestino, dipanandolo come una matassa. Metri e metri di budella uscivano dalla ferita, rosate viola e grigie, con le vene azzurre e i bioccoli di grasso giallo, all’inserzione dell’omento; ce n’era sempre ancora, pareva non dovesse finir più. Finché a un certo punto, attaccata all’intestino, compariva l’altra ovaia, quella di destra. Allora, senza usare il coltello, con uno strattone, l’uomo strappò via la ghiandola che era uscita allora, e quella che aveva appuntata alla pelle; e le buttò, senza voltarsi, dietro a sé, ai suoi cani. Erano quattro enormi maremmani bianchi, con le grandi code a pennacchio, i rossi occhi feroci, e i collari a punte di ferro, che li proteggono dai morsi dei lupi. I cani aspettavano il lancio, e li prendevano al volo, nelle loro bocche, le ovaie sanguinanti e poi si chinavano a leccare il sangue sparso per terra. L’uomo non si interrompeva. Strappate le ghiandole, rificcò, pezzo a pezzo, spingendolo con le dita, l’intestino dentro il ventre, ricacciandolo a forza quando quello, gonfio d’aria come un pneumatico, stentava a rientrare. Quando tutto fu rimesso a posto, l’uomo rosso si cavò di bocca, di sotto i gran baffi, l’ago infilato, e con un punto, e un nodo da chirurgo, chiuse la ferita. La scrofa, liberata dai ceppi, restò un attimo come incerta, poi si rizzò in piedi, si scrollò, e strillando si mise a correre per lo spiazzo inseguita dalle donne, mentre la giovane padrona, liberata dall’ansia, cercava nella tasca, sotto la sottana, le due lire di compenso per il sanaporcelle.



      Un'altra inquadratura del set mentre si gira la scena del Sanaporcelle
      nella trasposizione cinematografica di Francesco Rosi del
      Cristo di è fermato ad Eboli (ph Domenico Notarangelo)



      L’operazione non era durata in tutto che tre o quattro minuti; e già un’altra bestia era afferrata dagli aiutanti, e coricata con la schiena a terra, pronta al sacrificio. La scena di prima si ripeté: e, una dopo l’altra, per tutta la mattina, senza interruzione, le scrofe furono sanate.

      Il giorno era chiaro ormai, con un gran vento freddo, che portava qua e là degli stracci di nuvole. L’odore del sangue gravava nell’aria: i cani erano ormai sazi di quella carne ancor viva. La terra e la neve erano rosse; le voci delle donne si erano fatte più alte, le scrofe sanate e quelle ancora da sanare strillavano insieme, ogni volta che una era buttata in terra, rispondendosi e commiserandosi, come un coro di lamentatici. Ma la gente era allegra, nessuna bestia pareva dovesse morire. Era ormai mezzogiorno; il meraviglioso sanaporcelle si rizzò in tutta la sua statura, e disse che avrebbe rimandato al pomeriggio quelle poche bestie che restavano da sanare. Le donne cominciarono ad andarsene, con i loro animali al guinzaglio, commentando: il sanaporcelle, seguito dai suoi cani, contando le monete del suo guadagno, si avviò alla casa della vedova per mangiare; e anch’io me ne andai dietro a lui. Per qualche giorno, in paese, non si parlò d’altro: si trepidava al pensiero che qualche complicazione potesse far morire qualcuna delle scrofe sanate: ma tutto andò bene, i cuori si rassicurarono e ogni apprensione sparì. Il sanaporcelle era partito la sera stessa per Stigliano, coperto di benedizioni, con i suoi baffi rossi da sacerdote druidico, e il coltello del sacrificio »



      Il sanaporcelle, disegno di Egidio Monaco, tratto dal libro di Franco Romagnuolo,
      Mestieri tradizionali e nuove professioni, Editrice Lampo, Campobasso 1986
Postato il Lunedì, 27 novembre 2017 @ 22:32:57 di giovanni_mascia
 
Links Correlati
· Inoltre Cultura
· News by giovanni_mascia


Articolo più letto relativo a Cultura:
Presentazione di "Affreschi per il Papa": una serata indimenticabile

Article Rating
Average Score: 0
Voti: 0

Please take a second and vote for this article:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

Facebook

Twitter

Msn
Associated Topics

Documenti e collezionismo

"I bisturi del sanaporcelle nel museo di Vincenzo Colledanchise" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

TORO Web ideato e realizzato da Carmine Felice e Giovanni Mascia, con la collaborazione di Sandro Nazzario e Vincenzo Mascia.

phpNuke Theme design by Carmine Felice