TORO Web - Corpus domini, la semplice infiorata della devota (Racconto)
Scrivi a TOROWeb
ToroWeb è dal 1999 a disposizione di Toro e dei toresi. Chiunque, privato o circolo o associazione o ente, abbia notizie, avvisi, foto, dubbi o chiarimenti da pubblicare, può inviare a: redazione@toro.molise.it
Le comunicazioni non firmate non saranno prese in considerazione

P.S.
ToroWeb non è né un partito, né un organo istituzionale. È solo una pagina internet, che vuole raccontare il paese.
Un grazie di cuore ai lettori per l'attenzione che ci accordano da ventidue anni.
Canali
· Home
· @toro.molise.it
· Aggiungi News
· Archivio News
· Argomenti
· Cerca
· Chat
· Dove siamo
· Gli Appuntamenti
· GuestBook
· Login
· Meteo
· News dal vecchio sito
· Sondaggio
· Statistiche
· Tags
· Top 10
· Web Links
Altri articoli
Giovedì, 18 gennaio
· Lutto, è deceduta Maria Panichella di anni 90
Mercoledì, 17 gennaio
· Lutto, è deceduto Salvatore Sciandra di anni 91
Martedì, 16 gennaio
· Lutto, è deceduto Angelo Michele Mignogna di anni 88
Giovedì, 11 gennaio
· Lutto, è deceduto Nicola Trivisonno di anni 95
Lunedì, 01 gennaio
· Lutto, è deceduta Maria Antonietta Fracasso di anni 63
Mercoledì, 27 dicembre
· Lutto, è deceduta Giovannina Tromba di anni 93
Venerdì, 22 dicembre
· Lutto - Padre Giacinto De Sanctis
Giovedì, 21 dicembre
· Lutto, è deceduto Nicola Lamenta di anni 87
Martedì, 12 dicembre
· Pro Loco Natale 2023 - Il programma degli appuntamenti
Venerdì, 08 dicembre
· Lutto, è deceduto in Germania Alfredo Rossodivita di anni 73

Articoli Vecchi
GoogleAdSense
News ante Aprile 2007


· Notizie da gennaio 2004 ad aprile 2007

· Notizie 2002-2003
Ultimi Commenti
· APA : Lutto, è deceduto Gaetano Di Toro di anni 62- in data (19/3/2021)
· Giovanni Mascia : L'Ecce Homo di Toro studiato e presentato in Spagna- in data (13/1/2021)
· Torese : L'Ecce Homo di Toro studiato e presentato in Spagna- in data (13/1/2021)
· Giovanni Mascia : IL BACIO DEL BAMBINO - Sfilata dei toresi con i loro storici soprannomi- in data (11/1/2021)
· Torese : IL BACIO DEL BAMBINO - Sfilata dei toresi con i loro storici soprannomi- in data (11/1/2021)
· Giovanni Mascia : Antiche fotografie toresi di casa Trotta- in data (12/12/2020)
· Torese : Antiche fotografie toresi di casa Trotta- in data (9/12/2020)
· Enzo : Entusiasmante fotografare la cometa Neowise nel nostro cielo- in data (17/7/2020)
· ramossino : Entusiasmante fotografare la cometa Neowise nel nostro cielo- in data (16/7/2020)
· Giovanni Mascia : Festa dell'Incoronata 1905: banda di Riccia a Toro in divisa da Bersagliere- in data (25/10/2019)
· Enzo : Inizio Corso di potatura dell'olivo 2018- in data (18/4/2018)
· Giovanni Mascia : Caro Giovanni Rossodivita, impara a leggere!- in data (15/10/2017)
· Giovanni Rossodivita : Un sindaco e relativo consiglio comunale "sotto tutela"!- in data (14/10/2017)
· Giovanni Mascia : A proposito del tragico fattaccio di settant'anni fa- in data (20/9/2017)
· Giovanni Rossodivita : Il drammatico fattaccio di Toro- in data (20/9/2017)
· Giovanni Rossodivita : Un forte segnale di cambiamento e di rinnovamento- in data (16/7/2017)
· hermes_toro : Acqua pubblica: Toro non aderisce all’Egam- in data (16/7/2017)
· Giovanni Rossodivita : Coraggio! Non aderire all'Egam- in data (15/7/2017)
· hermes_toro : Strada Comunale della Selva per Jelsi: i residenti ringraziano- in data (4/7/2017)
· Roby : Roberto Quercio è il nuovo sindaco di Toro, eletto a furor di popolo- in data (21/6/2017)
Corpus domini, la semplice infiorata della devota (Racconto)
La processione del Corpus Domini ha ispirato al Figlio del fornaio un racconto per rievocare con commozione e simpatia una figura tipica di Toro del tempo che fu.



La moglie dello scarparo non la si vedeva mai nel vicolo. Mai.
Come un fantasma, rarissimamente e furtivamente, entrava nella piccola bottega del calzolaio e con voce flebile e incerta proferiva parole che solo il marito intuiva e capiva. Allora l’artigiano lasciava il desco e i suoi attrezzi e si avviava al vicino negozio per gli acquisti ordinatele dalla consorte che, a causa dei suoi mali fisici, non usciva mai di casa.

Il marito l’aveva presa per moglie per l’improvvisa sopraggiunta vedovanza, e seppure la poveretta era fin dalla nascita venuta su in maniera incerta, come la sua incerta postura, il calzolaio pur di avere una compagnia in casa, si mostrò sempre docile e tenero per quella donna mite e molto religiosa, perennemente vestita di nero, dal capo ai piedi.

Il mastro era venuto in paese da un paese vicino e, al contrario della sua consorte, era sempre di buon umore sfogando la sua gioia nel canto con la sua voce baritonale, e quando non cantava amava raccontare barzellette spinte.

Non solo per questa ragione la sua bottega era molto frequentata dai paesani, ma pure per la sua arte offerta sempre a prezzi modici e congrui.

Una sola volta l’anno la moglie del calzolaio violava la regola non scritta della sua stretta e severa clausura domestica.
Ciò avveniva puntualmente nel giorno del Corpus Domini.

Fin dal mattino prelevava le sue magre e sbiadite piante di gerani dal balcone e le collocava sul selciato disponendole simmetricamente proprio davanti all’uscio della bottega, dove nel pomeriggio sarebbe passato in processione il Santissimo Sacramento.

Buttava una manciata di petali di rose e di ginestre lungo il perimetro di un consunto suo vecchio tappeto, lasciava scorrere lungo l’inferriata del balcone una sua coperta ricamata all’uncinetto in età giovanile e poi si riportava veloce a casa, dove, nascosta dietro la sua scura finestra, appena illuminata da una fioca lampadina votiva collocata allo scopo, attendeva ansiosa il solenne corteo eucaristico.

Abitando io di fronte alla sua finestra, avevo la possibilità di spiare tutti i suoi gesti, che mi incuriosivano molto, non solo per il modo solenne con cui li compiva per allestire la sua semplice infiorata, ma nella sua devozione annuale vi scorgevo qualcosa di liturgico, quasi mistico, che certamente era frutto di una grande fede e che , comunque, mi edificava molto.

Dopo il passaggio e l’ostensione del santissimo Sacramento, l’umile devota si segnava più volte, facendo trasparire una grande emozione che celava gelosa nel fazzoletto bianco tenuto stretto tra le labbra.

Riprendeva quelle sue cose in strada e riguadagnava felice la sua clausura domestica, che avrebbe violato puntualmente l’ anno dopo solo in occasione del Corpus Domini.

Il figlio del fornaio

Nota: Foto ToroWeb 2007
Postato il Martedì, 27 maggio 2008 @ 14:20:11 di giovanni_mascia
 
Links Correlati
· Inoltre Poesie e racconti
· News by giovanni_mascia


Articolo più letto relativo a Poesie e racconti:
Burle e rivalità campanilistiche: a Monacilioni le raccontano così

Article Rating
Average Score: 0
Voti: 0

Please take a second and vote for this article:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

Facebook

Twitter

Msn
Associated Topics

Tradizioni e feste

"Corpus domini, la semplice infiorata della devota (Racconto)" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

TORO Web ideato e realizzato da Carmine Felice e Giovanni Mascia, con la collaborazione di Sandro Nazzario e Vincenzo Mascia.

phpNuke Theme design by Carmine Felice