La fiera di San Nicola (ovvero Benito e l'asino)
Data: Sunday, 06 December 2015 @ 09:11:59
Argomento: Poesie e racconti


Oggi. fiera di San Nicola a Toro. Fino a qualche decennio fa, la fiera era un avvenimento eccezionale per la vita dei paesani. L'animazione di quel giorno veniva a rompere la monotonia quotidiana. A volte con avvenimenti che lasciavano il segno, dei quali si sarebbe continuato a parlare negli anni. Come quella volta che zio Matteo...



Pieter Aertsen, Contadini al mercato, 1550 circa.



Alla fiera di san Nicola, il sei dicembre, i toresi compravano un po’ di tutto: castagne, portogalli, funi, scale per cogliere le olive, l´immancabile scapéce, maiali e qualche asino a buon mercato.

Avendo venduto il vignale, zio Matteo pensò che almeno da vecchio poteva farsi aiutare da un asino. Anche per goderne la compagnia, visto che viveva solo. Vicino alla croce viaria, alcuni zingari ne vendevano uno zoppo ma veramente a buon mercato: solo seimila lire. Zio Matteo non se lo fece scappare. Lo battezzò Gelsomino, e già al sentirlo chiamare si indovinava l'affetto che provava per l’animale.

L’uomo era molto generoso e i vicini spesso ne approfittavano. Un giorno, Benito gli chiese in prestito la "vettura" per andare a caricare la legna in campagna. In cambio, si sarebbe sdebitato con una giornata di lavoro. Ma invece di prendere la via del bosco, prese quella per Campobasso. In città c’era la fiera di santa Lucia e Benito pensò bene di vendersi l´asino e divertirsi a modo suo, con le donnine a Sant’Antonio Abate.

Solo all´indomani, sul tardi, il giovane si ripresentò da zio Matteo, che non aveva chiuso occhio. Raccontò che i briganti gli avevano rubato l´asino Sotto la Vecchia. L’altro gli replicò a brutto muso che l´ultimo brigante l´aveva incontrato suo nonno nel lontano 1865, dopodiché li avevano fucilati tutti.

Insomma, vista la reazione esagerata del vecchio che era scoppiato in pianto, Benito confessò la verità. Poi, insieme ai carabinieri di Toro, lo accompagnò a Campobasso alla ricerca dell´asino, che, difficile a credersi, era finito di nuovo in mano agli stessi zingari venditori.

E fu così che mentre zio Matteo tornava in paese in groppa a Gelsomino, Benito restava in città per passare qualche giorno nella solita cella in Via Cavour.

Il figlio del fornaio


---------

Racconto ripreso dal blog del Paesanino dove fu pubblicato giusto dieci anni fa, il 6 dicembre 2005, con il titolo La fiera di San Nicola.





Questo Articolo proviene da TORO Web
http://www.toro.molise.it/

L'URL per questa storia è:
http://www.toro.molise.it//modules.php?name=News&file=article&sid=2590