Per un ritratto completo del torese /2
Data: Thursday, 01 January 2009 @ 19:26:46
Argomento: Tradizioni e feste


Grazie al grande successo di partecipazione, abbiamo il piacere di pubblicare la seconda puntata sul nostro sondaggio "Sei torese se...". A continuare con l'articolo originario, l'avremmo reso troppo pesante e difficile da aprire per chi non ha a disposizione una linea internet veloce.
Prosegue dunque la carrellata di frasi "famose" volte a stabilire le caratteristiche principali di Toro e dei toresi.
La lista è aggiornata al 26 gennaio 2009


Asilo Infantile Torese fondato nell'Anno di Guerra 1917

Vai alle prime 53 definizioni

* * * 1 gen 2009

54. Sei torese se auguri Sante Martine! (San Martino!) a chi sta facendo la salsa o il vino o sta ammazzando il maiale e sai che ti sarà risposto Bommenute! (Benvenuto!).

55. Sei torese se hai cantato "Olio, petrolio e benzina da bruciare, per segnare a Mammarese ci vuole Carapellese
[Ndr: Carmine Fracasso, detto Mammarese, era il portiere del Toro negli anni Quaranta/Cinquanta, periodo in cui il famoso attaccante Riccardo Carapellese ha giocato prima nel Milan poi nel Torino e quindi nella Juventus… e in Nazionale].

56. Sei torese se per te la legge è: "Da Asso a Dieci a tutti i pali, Pariglie, Ciapparille (Grappoletto), Scopa di tre carte a colore, di 4 carte cumme ancumenze accuscì fenisce (Come comincia così finisce), e di 5 carte cumme so' so' (Come sono sono)". (Detto da un Carabiniere!).


* * * 3 gen 2009

57. Sei torese se in un angolo della casa hai una statuetta o figurina di San Mercurio martire.

58. Sei torese se continui la tradizione dei maccheroni con la mollica.

59. Sei torese se leggi le poesie di Nicola Iacobacci.

60. Sei torese se leggi i libri di Vito Tatta, Giovanni Mascia, Dante Gentile Lorusso, il giovane Luca Castiello, e Frank Salvatore.

61. Sei torese se scrivi una poesia col profumo del nostro dialetto.

62. Sei torese se apprezzi il tesoro informativo della biblioteca Trotta.


* * * 5 gen 2009

63. Sei torese se almeno una volta quando eri piccolo ti hanno chiesto di andare dal tabaccaio a chiedere u tuzzelabbancone (Ndr.: U tuzzelabbancone tradotto alla lettera sarebbe "Il picchia al bancone", un prodotto che naturalmente non esiste. Una variante è chiedere mize chjle de n'trattiene "Mezzo chilo di intrattenimento, di chiacchiere". Ovvio che il negoziante si mettesse a ridere o, se nervoso, ti mandasse a quel paese).

64. Sei torese se hai mangiato qualche volta i frascatille.

65. Sei torese se sei tra i pochi in Italia (e sottolineo in Italia) a cui la parola varvacane (Barbacane) è familiare.


* * * 7 gen 2009

66. Sei torese se, giocando a carte e vedendo l'altro giocatore mischiare le carte, pur non essendo lui il cartaro, lo apostrofi: "Pare ze Vecinze Zengarille, sempre chi carte n'mane" ("Sembri zio Vincenzo Zingarelli (Zingarelli era il soprannome; il cognome era Simonelli), sempre con le carte in mano").

67. Sei torese se canti, hai cantato o hai sentito cantare "Mosca mora... mi innamorai di quella traditora".

69. Sei torese se almeno una volta l'anno assaggi lo "Spezzatino di zi' Jennare"
(pasticcio al forno con uova, fegatino di agnello, pezzettini di carne di pollo e altri aromi tra cui il limone, specialità - tra le altre - di Gennaro Evangelista, indimenticato cuoco dei banchetti nuziali toresi).


In maglia bianca squadra torese Anni Quaranta. Si riconoscono Diomede Ciaccia, Pinuccio Salvatore, Mario Cutrone, Peppe Mitra, Peppe Lamenta, Carmine Fracasso...


* * * 9 gen 2009

70. Sei torese se ti chiamano Capesalate de Ture (Capo salato di Toro) e Magnapane de Ture (Mangia pane di Toro).

71. Sei torese se ad ogni starnuto ti viene augurato: "Crisce sante!" (Cresci santo!)
[Ndr: C'è spesso chi aggiunge per scherzo: "Ca diavele già cce sì (Che diavolo già lo sei!)]

72. Sei torese se almeno una volta sei andato lungo le rive del Tappino a fare Pasquarelle (la scampagnata di Pasquetta, il lunedì di Pasqua).


* * * 11 gen 2009

73. Sei torese se giochi alla passatella, fai ulmo gli avversari e gli fai loro una bella sconcia (Ndr: "Ulmo" e "sconcia" sono termini tecnici della passatella: "Fare ulmo" è non concedere all'avversario il bicchiere di birra, fargli "la sconcia" è dargli da bere un bicchiere riempito di sola schiuma.)

74. Sei torese se il 5 gennaio insieme al tuo gruppo di amici canti la pasquetta (o "se almeno una volta nella tua vita hai cantato la Pasquetta").

75. Sei torese se non ti limiti passivamente a guardare quello che ti succede intorno, ma, anche tu con un piccolissimo gesto, contribuisci a riscoprire le tradizioni, le radici, gli usi , i costumi, la cultura, del nostro popolo.


* * * 14 gen 2009

76. Sei torese se per te è normale sentire imprecare in modo blasfemo "A chi te stramurte e a chi te ccoppa murte!" (Ndr: si tratta di formule roventi per ingiuriare i morti (offesa ritenuta gravissima e intollerabile), anzi gli "stramorti" e i "supermorti" dell'interlocutore).

77. Sei torese se paghi per avere i più bei fuochi artificiali e consenti che si godano meglio da Campodipietra.

78. Sei torese se sei convinto che dal nostro campanaro si diffonda il più bel concerto di campane.


* * * 16 gen 2009

79. Sei torese se sai cosa sono e dove si trovano: i Briglie, 'a Vecchia e 'a Ripa.

80. Sei torese se, incontrando qualcuno per la via, saluti con un sorriso adulandolo con: Bella fe' (Bella femmina) o Bell'o' (Bello uomo). Non importa se la bellezza esteriore sia vera. La corrispondenza è nella bellezza del cuore. Credo sia proprio il più bel saluto gentile.



Anni Trenta. La scuola di taglio e cucito delle signorine Pilla, Carlino, davanti la loro casa sul Barbacane, ora casa canonica


* * * 19 gen 2009

81. Sei torese se ami ogni centimetro del nostro paese e la nostra storia.

82. Sei torese se non dimentichi i nostri riti religiosi come la scurdata (alla lettera Oscurata, cioè l'Ufficio delle Tenebre) durante la Settimana Santa.

83. Sei torese se lasci la tua villa o residenza sontuosa per tornare a passare il Natale e il Capodanno vicino al camino della tua modestissima casa natia, godendo i suoni strani del bufù.

84. Sei torese se cerchi la freschezza di una notte estiva, seduto sul muricciolo (ncopp'u merjlle), scambiando notizie e storielle con vicinati.

85. Sei torese se il 26 agosto, a San Mercurio, non vedi l'ora di essere in piazza ad ascoltare la banda che esegue marce e trascrizioni da opere liriche.


* * * 22 gen 2009

86. Sei torese se… nen pu’ fa’ a mméne da sta’ miz’a rrúte e cecelje. U rúte, i cecelje: ingredienti principali, direi immancabili, nell’impasto del torese Doc. I crocchi di persone che fanno rute, cerchio, davanti alle case e le loro tanto temute critiche, cecelje, sono elementi fortemente caratterizzanti del vero torese, da sempre presenti nel suo DNA.

87. Sei torese se… non dimentichi quanne cu scúrde scjve cú tezzóne ammiz’a vje! Sentir parlare di tizzone oggi fa pensare alla preistoria. In realtà è trascorso solo qualche decennio da allora, da quando il tizzone acceso fungeva, in mancanza di energia elettrica, da torcia per illuminare la strada (per giunta quasi sempre in cattivo stato), perché il miracolo della “luce” era, ahimé, ancora lontano.

88. Sei torese se… te piace a djce ca si’ ‘nu maccaróne cavetate, "Un maccherone bucato", un povero ingenuo, uno senza malizia, insomma.

89. Sei torese se… quanne aviva ara’ t’accucchiave ch’i ciúcce pe fa’a iúrne ‘mpriste cu cúmpare. Sei torese se quando dovevi arare, per farti aiutare, facevi lavorare il tuo asino in coppia con quello del compare nel suo campo, così da farti restiture i giorni quando poi dovevi arare il tuo.
A quei tempi con i mariti all’estero in cerca di fortuna, di solito le mogli rimanevano a casa da sole con i figli e, oltre alla cura della famiglia, dovevano sobbarcarsi anche il duro lavoro dei campi, lavoro che richiede sempre forti braccia. Ed era soprattutto in quei casi che ci si assicurava la manodopera di cui si aveva bisogno, “imprestandosi i giorni”. Ci si accordava fra contadini per far lavorare i propri asini, muli o cavalli, in coppia, facendoli arare prima nel campo di uno e poi in quello dell’altro, naturalmente insieme ai rispettivi padroni. Così, anche se si impiegava più tempo, si riusciva comunque e con grande soddisfazione, a portare avanti il lavoro senza il marito a casa.

90. Sei torese se… jive ped acque na Fentane Jòle pe farte tamenta’ du spesjcchie, e cu remenj’ te sparagnave púre a tine ‘n cape! Sei torese se andavi ad attingere l’acqua nella Fontana Viola (solo) per farti guardare dal tuo innamorato, e al ritorno – grazie a lui - ti risparmiavi pure il lavoro di portare la tina piena d’acqua sulla testa!

91. Sei torese se… alméne ‘na vòte si’ sentúte arraccunta’ a tatarille de quanne ze magnatte ‘a gatte e… ce aremanette púre sazie! Sei torese se con obbrobrio almeno una volta nella vita hai sentito tuo nonno raccontare di quando mangiò carne di gatto, e con tua grande disapprovazione e disgusto, ha pure impunemente affermato di esserne rimasto satollo!


* * * 26 gen 2009

92. Sei torese se ti chiami Mercurio, o si chiama Mercurio almeno un parente, un amico, o un conoscente.

93. Sei torese se non invidi lo Zughetazzù a Campobasso né i "Zigzaghini" a San Giovanni in Galdo, perché tanto noi a Toro abbiano u zighetazzì
(Ndr.: Lo zughetazzù campobassano è un famoso canto di Quaresima, chiamato così dai popolani, che si rifanno con questo nome al suono grave del contrabbasso che lo caratterizza; gli "Zigzaghini", lo sappiamo, tutti è il nome del gruppo folcloristico sangiovannaro ideato e diretto da Nicolino Di Donato; più modestamente u zighetazzì torese è l'elastico di gomma colorata per legare un pacchetto, fogli di carta...).

94. Sei torese se almeno una volta hai detto a qualcuno (o qualcuno ha detto a te ) la famosa frase : "Se n'n m'avvante mamme m'avvante tate e se non m'avvantene né mamme né tate m'avvante j". (Se non mi vanta mamma mi vanta papà e se non mi vantano loro mi vanto io - La dice lunga sulla presunzione di noi toresi).


Fonti:
54 Graziella D'Auder (Parma); 55 Michele Paternuosto (Morena-Roma); 56 Nicola Quercio (Acerra, NA); 57-62 Frank Salvatore (USA); 63-65 Giannantonio Evangelista; 66-69 Antonio Laurelli; 70 Lina Ricciardi (Stati Uniti); 71-72 Angelo Fracasso (Parma); 73 Antonello Esposito; 74 Stefano Spina (e Nunzio Fanelli); 75 Antonio Salvatore; 76-78 Vincenzo Colledanchise; 79 Andrea Serpone; 80 Cinzia e Marilena Rossodivita (Perugia) 81-85 Giovanni Serpone, compianto sindaco di Toro nei primi Anni Sessanta del Novecento; 86-91 Musa Pensosa (eccezionalmente accettata con lo pseudonimo in quanto preziosa collaboratrice di ToroWeb); 92 Giovanni Mascia; 93 Angelo Fracasso (Parma); 94 Giuseppe Parziale ::::::

[Articolo in costruzione]

Sei torese se... clicchi e leggi l'articolo con le prime 53 definizioni e i commenti.

Sei torese se... invii una mail anche tu. Grazie.







Questo Articolo proviene da TORO Web
http://www.toro.molise.it/

L'URL per questa storia è:
http://www.toro.molise.it//modules.php?name=News&file=article&sid=704