TORO Web - RACCONTO - Il caporale polacco
Scrivi a TOROWeb
ToroWeb è dal 1999 a disposizione di Toro e dei toresi. Chiunque, privato o circolo o associazione o ente, abbia notizie, avvisi, foto, dubbi o chiarimenti da pubblicare, può inviare a: redazione@toro.molise.it
Le comunicazioni non firmate non saranno prese in considerazione

P.S.
ToroWeb non è né un partito, né un organo istituzionale. È solo una pagina internet, che vuole raccontare il paese.
Un grazie di cuore ai lettori per l'attenzione che ci accordano da ventidue anni.
Canali
· Home
· @toro.molise.it
· Aggiungi News
· Archivio News
· Argomenti
· Cerca
· Chat
· Dove siamo
· Gli Appuntamenti
· GuestBook
· Login
· Meteo
· News dal vecchio sito
· Sondaggio
· Statistiche
· Tags
· Top 10
· Web Links
Altri articoli
Mercoledì, 09 novembre
· Lutto, è deceduta Livia Caruso
Giovedì, 03 novembre
· Tra San Giovanni e Toro. Un ricordo di Nicolino Di Donato
Mercoledì, 02 novembre
· 4 novembre 2022 Festa delle Forze Armate
Martedì, 01 novembre
· Lutto, è deceduto Florindo Del Zingaro di anni 75
Sabato, 29 ottobre
· 21^ edizione "Memorial Enzo Peluso", gara di pesca
Giovedì, 27 ottobre
· P. Beniamino da San Giovanni in Galdo. Vescovo e vicario apostolico in Cina
Martedì, 04 ottobre
· Festività di San Francesco d’Assisi 2022
Mercoledì, 14 settembre
· Cantina Herero: "Vendemmia emozionale 2022"
Martedì, 13 settembre
· 26 agosto 2022 - Serata della festa in onore di San Mercurio
Sabato, 10 settembre
· 26 agosto 2022 - Foto della processione in onore di San Mercurio

Articoli Vecchi
GoogleAdSense
News ante Aprile 2007


· Notizie da gennaio 2004 ad aprile 2007

· Notizie 2002-2003
Ultimi Commenti
· APA : Lutto, è deceduto Gaetano Di Toro di anni 62- in data (19/3/2021)
· Giovanni Mascia : L'Ecce Homo di Toro studiato e presentato in Spagna- in data (13/1/2021)
· Torese : L'Ecce Homo di Toro studiato e presentato in Spagna- in data (13/1/2021)
· Giovanni Mascia : IL BACIO DEL BAMBINO - Sfilata dei toresi con i loro storici soprannomi- in data (11/1/2021)
· Torese : IL BACIO DEL BAMBINO - Sfilata dei toresi con i loro storici soprannomi- in data (11/1/2021)
· Giovanni Mascia : Antiche fotografie toresi di casa Trotta- in data (12/12/2020)
· Torese : Antiche fotografie toresi di casa Trotta- in data (9/12/2020)
· Enzo : Entusiasmante fotografare la cometa Neowise nel nostro cielo- in data (17/7/2020)
· ramossino : Entusiasmante fotografare la cometa Neowise nel nostro cielo- in data (16/7/2020)
· Giovanni Mascia : Festa dell'Incoronata 1905: banda di Riccia a Toro in divisa da Bersagliere- in data (25/10/2019)
· Enzo : Inizio Corso di potatura dell'olivo 2018- in data (18/4/2018)
· Giovanni Mascia : Caro Giovanni Rossodivita, impara a leggere!- in data (15/10/2017)
· Giovanni Rossodivita : Un sindaco e relativo consiglio comunale "sotto tutela"!- in data (14/10/2017)
· Giovanni Mascia : A proposito del tragico fattaccio di settant'anni fa- in data (20/9/2017)
· Giovanni Rossodivita : Il drammatico fattaccio di Toro- in data (20/9/2017)
· Giovanni Rossodivita : Un forte segnale di cambiamento e di rinnovamento- in data (16/7/2017)
· hermes_toro : Acqua pubblica: Toro non aderisce all’Egam- in data (16/7/2017)
· Giovanni Rossodivita : Coraggio! Non aderire all'Egam- in data (15/7/2017)
· hermes_toro : Strada Comunale della Selva per Jelsi: i residenti ringraziano- in data (4/7/2017)
· Roby : Roberto Quercio è il nuovo sindaco di Toro, eletto a furor di popolo- in data (21/6/2017)
RACCONTO - Il caporale polacco
Il nostro amico che si firma "Il figlio del fornaio" ci ha inviato questo racconto di vita vissuta. Ci riporta indietro negli anni, ai tempi di miseria e morte della seconda guerra mondiale... 

La famiglia poverissima viveva in un tugurio e i cinque ragazzi che l’abitavano si vergognavano di tanta miseria con i loro compagni. Il padre era morto prima della guerra bruciato nella “pincera” dove lavorava, e  la madre cercava di procurarsi un po’ di cibo andando a giornata. Erano tutti pallidi e malnutriti quei poveri ragazzi, con i soliti stracci consunti recuperati chissà dove, col naso perennemente umido a causa del raffreddore, dovuto ai piedi scalzi, in qualsiasi stagione. Le due sorelle facevano le lavandaie per due famiglie agiate del paese, mentre i tre ragazzi, ancora piccoli, a malapena riuscivano a pascolare due pecore e una capra lungo il tratturo, e nel contempo a raccogliere arbusti e un po' di legna per il camino.

Sopraggiunsero in paese i soldati tedeschi, che vi si accamparono per qualche settimana, incutendo molta paura in tutto l'abitato con le loro maniere sbrigative e feroci di pretendere viveri e animali da cortile per sfamarsi. Nella foga e nella fretta di fuggire, perché inseguiti dagli alleati, avevano requisito con violenza alcune case per procurarsi alimenti utili per continuare la fuga verso il nord. Giunti nel tugurio della povera famiglia strapparono loro le tre bestiole nascoste dietro un pagliericcio: l’ unica ricchezza in quella casa. La mamma aveva tentato invano di far capire ai soldati che, senza quelle sue  beste non sarebbero sopravissuti, d’altra parte la cosa era evidente, ma quei soldati non si impietosirono affatto né delle urla strazianti della vedova né delle lacrime dei suoi orfani.

Quei poveretti erano afflitti per la grave perdita e impauriti per le sorti della guerra,  ma la Provvidenza venne sorprendentemente in loro aiuto. Fuggiti i tedeschi sopraggiunsero gli alleati, che portarono serenità e una ventata di allegria perchè la sera invitavano a danzare le ragazze lungo le vie del paese anche se spesso si ubriacavano. Il loro rancio sempre ricco e abbondante consentiva ai ragazzi di approfittare degli avanzi, che venivano utilizzati dai più poveri per sopravvivere.

Un caporale polacco, addetto al vitto e vestiario delle truppe alleate, dovette accorgersi e impietosirsi degli orfani, che vedeva divorare le marmitte degli avanzi rimasti. Un giorno chiese dei loro genitori e, quando la ragazza gli riferì che avevano solo la mamma, il caporale polacco volle conoscerla. La mamma, impaurita, si recò dal soldato, cogliendo l’occasione per ringraziarlo per quanto faceva per i suoi figli. Il caporale la guardava con simpatia, perché la vedova era ancora una donna piacente e le mise in mano alcuni dollari che la donna ebbe paura di accettare.

Il giorno seguente, ostinato, il caporale polacco si fece condurre nella povera abitazione della vedova e chiese alla donna se poteva entrare nella sua casa. La donna temendo il peggio, perché si raccontava che alcune donne erano state violentate dai soldati, si precipitò fuori dal tugurio, mentre il soldato sfacciatamente vi entrava. Ella si mise a sbirciare dalla porta cosa facesse quel soldato in casa sua e rimase atterrita nel vederlo spogliarsi e pian piano appoggiare gli abiti sul suo pagliericcio. Non finiva mai di spogliarsi. Depositava ad una ad una, camicia, giacca, maglia di lana e finanche alcune paia di calze.

La donna, impaurita, stava per mettersi a gridare per chiedere aiuto, quando il soldato, rivestendosi della sua divisa e uscendo fuori dal tugurio la raggiunge per dirle che era venuto a donare quei panni ai suoi ragazzi.
Il soldato, infatti, aveva occultato  diverse maglie, camicie, pantaloni e calze sotto la sua divisa, sottraendoli al suo reparto, e per non destare sospetto alcuno, aveva provveduto ad indossarli sotto la sua normale divisa. La donna non esitò a baciarlo ripetutamente sulle guance, per l’audacia con la quale aveva voluto aiutarla e, grata per tutti quei doni inaspettati, gli regalò a sua volta l’ultima caciotta di pecora che aveva serbato per i figli.
 
Il soldato le mostrò allora la foto della sua numerosa famiglia, che aveva lasciato mesi addietro con grande preoccupazione. Sperava che ciò che faceva lui per quella povera famiglia qualcun altro potesse fare per la sua.
Diceva queste cose alla donna mostrandole il crocifisso serbato nella stessa busta della fotografia e chiedendole di pregarlo insieme affinché potesse raggiungere quanto prima i suoi familiari nella sua Polonia.
 
Di quel caporale polacco, fervidamente credente e tanto caritatevole, si seppe poi, che aveva trovato la morte nell’inferno di Cassino.

Il figlio del fornaio
Postato il Domenica, 29 aprile 2007 @ 01:39:40 di giovanni_mascia
 
Links Correlati
· Inoltre Poesie e racconti
· News by giovanni_mascia


Articolo più letto relativo a Poesie e racconti:
Burle e rivalità campanilistiche: a Monacilioni le raccontano così

Article Rating
Average Score: 5
Voti: 2


Please take a second and vote for this article:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

Facebook

Twitter

Msn
Associated Topics

Poesie e racconti

"RACCONTO - Il caporale polacco" | Login/Crea Account | 3 commenti | Search Discussion
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

Re: Il caporale polacco (Voto: 1)
di giomascia il Lunedì, 30 aprile 2007 @ 22:37:33
(Info Utente )
Complimenti, figlio del fornaio. Una bella storia. Sono sicuro che ne leggeremo delle altre.
Ciao
Giovanni



Re: Il caporale polacco (Voto: 1)
di Paesanino il Giovedì, 03 maggio 2007 @ 13:00:25
(Info Utente ) http://www.canzonipoesie.splinder.com
Ciao, figlio di fornaio.
Come vedi si chiude una porta (il mio blog) e si apre un portone (toroweb).
Sono molto contento, perché dopo la chiusura del mio blog, ero restato con lo scrupolo l'amarezza di aver tolto spazio a te e ad altri amici, come Musa Pensosa e Abigail.
Paesanino



Re: Il caporale polacco (Voto: 1)
di musapensosa il Lunedì, 07 maggio 2007 @ 22:59:49
(Info Utente )
Complimenti vivissimi all'amico figlio del fornaio per averci regalato questa commovente pagina di storia vissuta. A presto Musa pensosa


TORO Web ideato e realizzato da Carmine Felice e Giovanni Mascia, con la collaborazione di Sandro Nazzario e Vincenzo Mascia.

phpNuke Theme design by Carmine Felice